Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

sabato 31 ottobre 2015

"POCKET OPERA" LA LIRICA AL TEATRO TUROLDO

Nella propria esistenza tutti nascondono nel proprio intimo un desiderio che, a volte, è di difficile realizzazione. Tanti sono i sogni nel cassetto che ciascuno di noi vorrebbe trasformare in realtà, ma… una cosa è il desiderio, il sogno, un’altra è la realtà. Trascorrono gli anni e ti trovi di fronte ad insormontabili ostacoli, però… basta un’intesa, un accenno con chi ti capisce ed ecco che il sogno si trasforma, in un battibaleno, in una realtà, anche piccola, ma che soddisfa il tuo cuore, colmo di gioia. Gioia che ti affretti a dividere con chi nasconde il tuo stesso recondito desiderio. 
Pasquale Strippoli, Direttore Artistico del Teatro P.TUROLDO, maturava da anni l’idea di entrare in un mondo dorato, fatto di note altissime e di mitici personaggi. Già durante il suo cammino, “illo tempore”, ha assaporato la bellezza di questo mondo aulico, provando con grandi maestri le note di una lirica indimenticabile, ed ancor oggi tenta di accordare le proprie corde vocali senza la presunzione di voler calcare le scene di tale mondo… eppure, oggi, vuole che questo desiderio si realizzi. 
Da venerdì 13 novembre 2015 parte la 3^ Rassegna tutta Lirica con l’aiuto magistrale della pianista Alessandra Corbelli.
Indubbiamente il palcoscenico della “bomboniera” tarantina, come molti lo definiscono, cioè del Teatro P. Turoldo, non può e non deve ospitare grandi Opere Liriche perché sminuirebbe la valenza scenografica e coreografica, ma con una nuova formula, la Pocket Opera, artisti di grande esperienza di palcoscenico porteranno alla luce una versione ridotta in forma scenica, con le parti più salienti ed emozionanti dell’opera stessa, coinvolgendo direttamente il pubblico che avrà la possibilità di vivere a pochi metri il calore delle voci dei cantanti e del movimento scenico. Cosa che nei grandi teatri è interrotta dalla buca dell’orchestra, o meglio “Golfo mistico”. Una voce narrante spiegherà al pubblico la trama dell’opera in modo da permettere anche allo spettatore meno appassionato, di vivere e capire l’opera che sta ascoltando. Grazie anche al maestro concertatore, che, invece, analizzerà musicalmente tutti i passi che successivamente andranno eseguiti. 
Il Progetto prevede 6 appuntamenti. 
Il primo appuntamento del 13 novembre 2015 sarà “CAVALLERIA RUSTICANA”

venerdì 30 ottobre 2015

AL PARCO ARCHEOLOGICO SI SCOPRONO I MISTERI DEL MEDIOEVO

Nuova entusiasmante iniziativa domenica 1 novembre a Saturo. Appuntamento alle 10.30.
Un periodo oscuro, per eccellenza ricco di misteri. È il Medioevo, protagonista indiscusso della nuova iniziativa in programma domenica 1 novembre al Parco Archeologico di Saturo (marina di Leporano, Taranto) dal tema “Simbologie Sacre nelle Cripte e nei Castelli”. Appuntamento alle 10.30 per amanti della storia, semplici curiosi, adulti e bambini: il laboratorio di archeologia sperimentale “Vivi la Storia Antica” è aperto a tutti e prevede una visita guidata, la riproduzione di graffiti su tavole di argilla accompagnati da personale esperto e degustazioni finali. Definirlo un semplice laboratorio sarebbe riduttivo, dal momento che è considerato a tutti gli effetti un vero e proprio progetto culturale che sta registrando enorme interesse a livello regionale. Finalità: aprire al grande pubblico- in esclusiva per la Provincia di Taranto- una finestra sulla storia antica attraverso l’archeologia sperimentale. In queste settimane, tante le presenze e i consensi per la Cooperativa Polisviluppo, ideatrice del format. Da qui la scelta di proseguire, complice anche il clima favorevole, ideale per poter apprezzare al meglio la natura che caratterizza il Parco.
Domenica- con vista mare- si andrà ad esplorare il misterioso ed oscuro Medioevo, attraverso simbologie sacre, graffiti e magnifici affreschi che gli uomini della cosiddetta "Età di mezzo" lasciavano impressi sui muri di antichi castelli e cripte ipogeiche. Inoltre, a grande richiesta, sabato e domenica mattina sarà aperto il punto ristoro “Art Cafè”, direttamente sulla spiaggia di saturo.
Dopo la visita guidata alle evidenze storico-archeologiche del Parco, come la cinquecentesca Torre costiera costruita alla vigilia della grande Battaglia di Lepanto tra la flotta cristiana e quella turca musulmana, i visitatori saranno impegnati in un laboratorio sperimentale con l’argilla. Su tavolette da loro stessi conformate, riprodurranno alcune delle incisioni tipiche che si ritrovano sui muri di cripte e castelli, spesso lasciate come testimonianza o voto di un viaggio, una prigionia o una battaglia, tra cui spiccano le varie tipologie di simboli cruciformi. 
Al termine del laboratorio, sarà imbandita una tavola ricostruttiva con pietanze tipiche del Medioevo, per una originale degustazione offerta  dagli organizzatori. Ingresso 6 euro per gli adulti, 3 euro per i ragazzi (dai 9 ai 13 anni accompagnati da un adulto partecipante). Info e prenotazioni: 340.7641759 - 327.7161397 . 

domenica 25 ottobre 2015

VITALIZIO O PENSIONE? CITO NE PARLA DALLA D'URSO



VITALIZIO O PENSIONE? CITO NE PARLA DALLA D'URSO
Posted by Taras Produzioni on Domenica 25 ottobre 2015

GIANNI CIARDO ... A PROPOSITO DI TARANTO

Interessante intervista fatta a Gianni Ciardo da Pino Pittaccio.
Gianni parla dei suoi spettacoli, ma, le domande del Tarantinissimo Pino riguardano la nostra Citta'.
Si parla di Dizione, di Emiliano, della sua esperienza come Assessore al Comune di Taranto, Ilva, ma, sopratutto dell'Ex Sindaco di Taranto Giancarlo Cito.

sabato 24 ottobre 2015

UNA PETIZIONE PER SALVARE IL PASTIFICIO RUMMO DI BENEVENTO

Il Pastificio Rummo di Benevento produce pasta da oltre 160 anni, rappresentando in questo settore una delle eccellenze del made in Italy.
La notte tra il 14 e il 15 ottobre questa storica azienda è stata duramente colpita dal nubifragio che si è abbattuto sul beneventano. Tutta la struttura produttiva è stata invasa da acqua e fango, alcuni macchinari e prodotti sono andati distrutti. Lo stabilimento sarà inagibile per parecchio tempo, mentre centinaia di dipendenti sono attualmente senza lavoro.
In tanti si sono già mobilitati per dare una mano ad azienda e lavoratori, invitando quante più persone possibili a comprare pacchi di pasta Rummo.
Sono un medico nutrizionista, mi piace scrivere di cibo e nel 2014 ho vinto la terza edizione di MasterChef Italia. Promuovo quotidianamente la gastronomia italiana di qualità, il cibo sano nelle scuole, la tutela dei mercati e la diffusione della cultura del cibo. In questi ultimi due anni ho girato le scuole d'Italia per parlare di gusto. E non sempre nella mensa della scuola ci sono grandi sorrisi. Malgrado gli sforzi di tutti. Sono le materie prime a fare la differenza e, tra i prodotti industriali, nella pasta Rummo la differenza si sente. 
Mi piacerebbe che le mense di tutte le scuole italiane si impegnassero a utilizzare la pasta Rummo per la preparazione dei primi piatti, sostituendola per il momento a quella che utilizzano attualmente.
Con un’azione del genere potremmo dare un grande aiuto al pastificio e allo stesso tempo nutrire i nostri bambini con un alimento eccellente, insegnando loro il valore dell'aiuto reciproco. Potremmo, insomma, farci del bene facendo del bene. Con gusto. 
Per questo mi rivolgo al ministero dell’Istruzione e ai Presidenti di tutte le Regioni italiane, ai Presidi e a tutte le mamme, invitandoli a raccogliere il mio appello e ad adoperarsi perché i gestori di tutte le mense scolastiche italiane compiano questo gesto di grande solidarietà.

PER FIRMARE LA PETIZIONE CLICCA SUL LINK SOTTOSTANTE https://www.change.org/p/pasta-rummo-in-tutte-le-scuole-a-fare-del-bene-c-%C3%A8-pi%C3%B9-gusto-saverummo?recruiter=309981217&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink

"CHIANCAREDDE E CIME DE RAPE" LE TAMMORRE IN SCENA AL TUROLDO

Commedia in due atti scritta diretta e da Ciro Intermite.

Narra di una famiglia tarantina con a capo Minguccio Cipolla, la moglie Beatrice Loffia e 4 figli a carico.
Dopo una normale giornata trascorsa tra piccole beghe famigliari e preparativi del pranzo dove trionferanno le orecchiette con le rape, nella notte avranno una sgradita sorpresa che scombussolerà la vita dei nostri protagonisti.

 Lunedì 16 Novembre 2015 alle ore 20.30 presso il Teatro Padre Turoldo di Taranto

venerdì 23 ottobre 2015

HALLOWEEN “DA PAURA” ALLA MONGOLFIERA DI TARANTO

Anche la quinta edizione della Zombie Parade sarà ospitata dal centro commerciale tarantino. Protagonisti i più piccoli ma le atmosfere da brivido coinvolgeranno più generazioni grazie al grande spettacolo che l’accompagnerà.

Taranto - Quando sulla città dei due mari caleranno le prime ombre della sera del 31 Ottobre, un vero e proprio esercito di zombie danzerà sulle note di “Thriller”, notissima hit dell’indimenticato Michael Jackson, e darà il via ad una sfilata da incubo, la Zombie Parade.

La manifestazione, organizzata come sempre dall’Associazione Culturale In Progress di Carosino, prende spunto da iniziative simili che all’estero, soprattutto negli Stati Uniti, sono ormai tradizione consolidata per persone di ogni età. La quinta edizione sarà ospitata ancora una volta (la quarta consecutiva) dal Centro Commerciale Mongolfiera, al quartiere Paolo VI di Taranto e garantirà il divertimento per grandi e piccini.
Da qualche anno a questa parte anche in Italia il tradizionale rito del “dolcetto o scherzetto?” si diffonde tra i più piccini, coinvolgendo i genitori che, stavolta, potranno immedesimarsi nel ruolo e divertirsi con loro.
Già a partire dalle 11 del mattino tutti potranno arricchire il loro look “splatter” affidandosi ai truccatori della Scuola di Estetica CEAS, partner ufficiale dell’evento. Con soli cinque euro (che l’organizzazione utilizzerà per la realizzazione del progetto vincente di Miss Progress International) ci si potrà assicurare un vero e proprio aspetto da incubo, idealmente supportato da vesti stracciate, andature incerte e sguardi spiritati.

Dalle 15 alle 16 Tonio Santoro, coadiuvato da Anna Zigrino e Vanessa Cannarile, daranno lezioni gratuite per il flash mob del corpo di ballo della “Dancing for Michael Jackson” al quale potranno partecipare sia i “mostri” sia gli “umani”, senza limitazioni di sesso, età e… preferenze cinematografiche.

Gli appassionati del genere horror si stanno già mobilitando per dar vita ad uno spettacolo senza precedenti, pronti ad assumere l’aspetto dei più famigerati personaggi del filone “da brivido”.

Tutti i dettagli sono sul gruppo facebook dove, come tutti gli anni, saranno pubblicate le immagini di questa divertente kermesse.

Associazione Culturale In Progress
Via De Gasperi, 4
74021 Carosino (TA)
Email: acinprogress@libero.it
Referenti:
Giuseppina Nobile, Presidente: 393-1227756
Giuseppe Borrillo, ideatore e proprietario del format: 393-4279670

"PROFUMO DI NUOVO" CRONACA IN BIANCO E NERO DI UNA TARANTO CHE SI STAVA COSTRUENDO

Il mondo girava lento allora...
Inizia così il racconto di una Taranto che cambiava pur non essendo pronta.
E’una storia in bianco e nero, fatta di sensazioni che restano sulla pelle come tatuaggi e che continuano a ritornare sotto forma di note, parole e gesti nell’adulto che non ha smesso mai di ricordare.
... ricordo che quando scrivevo la data sul mio quaderno di bella scrittura scandivo fra me e me i numeri uno per volta...1- 9-6-9...
Una data di confine fra quello che era e quello che saremmo diventati da lì a poco. Una linea di demarcazione tra la volontà di farcela a vivere e il finto benessere. Anni in cui c’era poco, i sacrifici erano parte integrante di ogni famiglia e ciò che era nuovo era facilmente riconoscibile dal suo profumo. Profumo di nuovo...
Facile perdersi in quel profumo così come facile è stato per noi tarantini assopirci in un fumo che sebbene sapesse di nuovo capimmo subito che non ci avrebbe fatto bene... ma che abbiamo tenuto stretto per non tornare ad essere quello che eravamo e per sentirci cittadini di una realtà industriale. Un percorso a tratti autobiografico che inevitabilmente tocca il sociale Nostalgico?
Forse, ma va bene così... che male c’è ad essere nostalgici? Non sono queste le storie che arrivano meglio al cuore?
MIMMO FORNARO

IL LABORATORIO DI MIMMO FORNARO RINNOVA LA FIDUCIA CON TARAStv


Questa e' la foto del Pubblico accorso ieri alla Commedia del LABORATORIO DI MIMMO FORNARO, malgrado l'Allerta Meteo presente a Taranto.
Abbiamo il piacere anche quest'anno di avere l'esclusiva delle immagini e la nostra presenza come Mediapartner per la Compagnia.
Una Compagnia che non si puo' definire "Amatoriale" , vista la bravura e la Professionalita' dei componenti.
Quindi, a noi non rimane altro che ringraziare il nostro amico Mimmo Fornaro per la fiducia che anche quest'anno ha voluto dedicarci, e vi diamo appuntamento ad una Stagione entusiasmante insieme al "LABORATORIO DI MIMMO FORNARO".

TARANTO E IL SUO LEGAME CON LA MARINA

"ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA" IL PROGRAMMA DI SUCCESSO DI RAI TRE PARLA DEL RAPPORTO TRA TARANTO E LA MARINA MILITARE 


"ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA" IL PROGRAMMA DI SUCCESSO DI RAI TRE PARLA DEL RAPPORTO TRA TARANTO E LA MARINA MILITARE
Posted by Taras Produzioni on Venerdì 23 ottobre 2015

mercoledì 21 ottobre 2015

DOMANI SCUOLE CHIUSE A TARANTO. E' ALLARME ROSSO

In ragione dell’ avviso del Servizio di Protezione Civile della Regione Puglia diramato questo pomeriggio con il quale viene segnalata una condizione di rischio idrogeologico ed idraulico con codice di allerta rosso localizzato sul nostro territorio il Sindaco, dott. Ippazio Stefàno, a tutela della incolumità pubblica, con particolare riguardo alla popolazione studentesca, con propria ordinanza n. 53, ha disposto la chiusura delle scuole cittadine di ogni ordine e grado per tutta la giornata del 22 ottobre 2015 e dei centri diurni frequentati dai bambini. Nel comunicare questo provvedimento il Sindaco raccomanda ancora una volta ai concittadini l’adozione di misure precauzionali e le attenzioni a tutela della loro incolumità e per prevenire situazioni di particolare criticità. “In caso di precipitazioni metereologiche abbondanti non lasciare le proprie abitazioni; in tali circostanze è altresì vivamente sconsigliato l’utilizzo delle autovetture; di non transitare da sottovie e sottopassi cittadini, anch’essi a rischio di allagamento e per i quali all’occorrenza potrebbe essere disposta la chiusura. 
Non sostare in piani bassi e o in seminterrati ma raggiungere i piani superiori per maggiore tutela. Non cercare di raggiungere ad ogni costo la destinazione stabilita. In caso di emergenza è molto importante lasciare le strade il più possibile sgombre, per non intralciare le operazioni di soccorso. Evitare l’utilizzo di ascensori e montacarichi per possibili interruzioni di energia elettrica. In caso di forti raffiche di vento, come da previsione, evitare il transito e la sosta sia veicolare sia pedonale in viali alberati per possibile caduta di alberi o rami; E’ altresì opportuno rimuovere dai balconi tutti gli oggetti, che non perfettamente ancorati, potrebbero precipitare arrecando danni a cose o persone

domenica 18 ottobre 2015

I TESORI DI TARANTO RACCONTATI DA "ULISSE. IL PIACERE DELLA SCOPERTA"

"ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA" IL PROGRAMMA DI SUCCESSO DI RAI TRE PARLA DEI TESORI DEL MUSEO TARANTINO.


"ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA" IL PROGRAMMA DI SUCCESSO DI RAI TRE PARLA DEI TESORI DEL MUSEO TARANTINO.
Posted by Taras Produzioni on Domenica 18 ottobre 2015

I DELFINI DI TARANTO RACCONTATI DA "ULISSE. IL PIACERE DELLA SCOPERTA"

"ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA" IL PROGRAMMA DI SUCCESSO DI RAI TRE PARLA DEI DELFINI DEL MARE DI TARANTO


"ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA" IL PROGRAMMA DI SUCCESSO DI RAI TRE PARLA DEI DELFINI DEL MARE DI TARANTO
Posted by Taras Produzioni on Domenica 18 ottobre 2015

venerdì 16 ottobre 2015

TARANTO E' IN GINOCCHIO. MA LA VILLA PERIPATO E' CHIUSA

Le immagini di questo video sono state inviate alla nostra redazione e scaricate da facebook.
Se riconoscete foto di vostra proprieta', fatecelo sapere inviando un E-mail a : tarasproduzioni@libero.it

giovedì 15 ottobre 2015

"L'INQUINAMENTO ILVA METTE A RISCHIO I LAVORATORI DEL CIMITERO" LO SLAI COBAS LANCIA L'ALLARME

Ora noi vogliamo fatti e non parole e da troppo tempo aspettiamo una reale bonifica che ci tuteli per il presente e sopratutto per il futuro- dato per il passato speriamo ci pensi il processo ILVA, che comincia il 20 ottobre, in cui tutti noi insieme agli operatori ci siamo costituiti parte civile.
Nello stesso tempo rivendichiamo il riconoscimento del nostro lavoro come lavoro usurante.
Rivendichiamo che il lavoro cimiteriale sia rispettato, pagato adeguatamente e in futuro internalizzato nel Comune.
Siamo stanchi di bassi salari, precarietà e affidamenti. Su tutto questo i lavoratori cimiteriali si mobilitano per aprire la vertenza con Comune e istituzioni e per mobilitare il quartiere tamburi e la città
per la bonifica sotto il controllo  di lavoratori e cittadini.

lavoratori cimiteriali coop ancora – oggi Kratos
slai cobas per il sindacato di classe taranto

ALIMENTAZIONE NATURALE. SE NE PARLA A PRESENZA LUCANA

PRESENZA LUCANA” – 25° Anno –  
ALIMENTAZIONE NATURALE – Fruttarismo e Carpotecnia


Dopo la presentazione della nuova cartella “Tesi di laurea over” con la prima tesi presentata dal dr. Nicola Fasano, dal titolo “Dipinti di ambito napoletano del ‘600/’700 nel tarantino”, per i Venerdì Culturali di Presenza Lucana, sarà proposto “Fruttarismo e Carpotecnia (Cucina basata, solo, sulla frutta)” della cartella “Alimentazione Naturale”.

L’argomento, che i relatori tratteranno, è nuovo ed ha una gran dose di teoria suffragata da studi scientifici, che dimostrano le origini “frugivere” della nostra specie. I fruttariani, al centro della relazione, sono uomini che si cibano di sola frutta (in alcuni casi anche di certi ortaggi considerati botanicamente come frutti). L’anatomia e la fisiologia comparata indicano, in modo incontrovertibile, l’alimentazione idonea alla Specie Umana, cioè la Frutta. Gli studiosi, della materia, chiariranno, senza creare allarmismi, il perché l’alimentazione, nel mondo contemporaneo, costituisca la prima causa di molte patologie. 

L’incontro si svolgerà, con libero ingresso, presso la sede di Presenza Lucana, in Via Veneto 106/A a Taranto, Venerdì 16 Ottobre. I relatori dell’incontro saranno, gli studiosi della materia, Girolamo Venturi e Fabrizio Dresda. Seguirà, al termine, un dibattito sulla materia.

IMPARARE A RIPRODURRE UN MOSAICO: AL PARCO ARCHEOLOGICO SI PUO’

Realizzazione di un mosaico tipico delle grandi Domus romane, riproduzione delle monete utilizzate nell’antica Roma per giocare al Capita aut Navia (antenato dell’odierno “testa o croce”), infine possibilità di visitare in esclusiva i nuovi scavi archeologici. Imperdibile evento, domenica 18 ottobre alle 10.30, al Parco Archeologico di Saturo (marina di Leporano, Taranto) con una mattinata alla scoperta dell’età romana. L’Arte del Mosaico e le Antiche Monete al centro del nuovo appuntamento con i laboratori di archeologia sperimentale “Vivi la Storia Antica” ideati e curati dalla Cooperativa Polisviluppo. Un vero e proprio progetto culturale che sta registrando grande interesse ed è finalizzato ad aprire al grande pubblico- in esclusiva per la Provincia di Taranto- una finestra sulla storia attraverso l’archeologia sperimentale. Info: 340.7641759, 327.7161397.
Il Parco di Saturo, in questi anni, è diventato infatti un centro laboratoriale per turisti e scolaresche, provenienti dall’intero Mezzogiorno d’Italia, complici i tanti eventi rievocativi e le ricostruzioni storiche che riescono a restituire ala fruizione pubblica materie notoriamente complesse come l’archeologia e la storia antica. I primi appuntamenti del nuovo calendario di laboratori si sono caratterizzati per un’attenzione di appassionati e famiglie da tutto il territorio pugliese. E domenica si continua. Inoltre, sempre in quest’ottica di rilancio culturale dell’importante area archeologica di Saturo- promontorio dove ebbe origine la storia di Taranto- in questi giorni sono partiti i nuovi scavi archeologici nella zona dell’Acropoli, curati dall’Università di Roma con la direzione del Prof. Lippolis. Gli scavi saranno visitabili in anteprima proprio domenica, nell’ambito di una visita guidata collegata al laboratorio.
“Dopo il focus sulla preistoria- spiega l’archeologo Gianluca Guastella- abbiamo immaginato un salto temporale nell’Antica Roma, alla scoperta della raffinata arte dei mosaici pavimentali, tra splendide raffigurazioni figurative e forme geometriche, sfumature di colore e forme artistiche che impreziosivano i palazzi e le grandi ville nobiliari. Il pubblico potrà così realizzare un mosaico su supporti lignei e riprodurre- utilizzando tessere in argilla colorata- i soggetti raffigurati nei pavimenti musivi delle grandi Domus romane rinvenute negli scavi archeologici a Taranto. Infine, attraverso l’utilizzo di un calco, si riprodurranno le monete romane raffiguranti il dio Giano, utilizzate nell’antica Roma sia come gioco che come dono di buon auspicio. Il programma si arricchisce della visita guidata nelle aree di Saturo riferibili al periodo (in particolare Villa Romana, Grandi Terme, Pars Rustica, Grande Cisterna Romana) e della visita (in anteprima) ai nuovi scavi in corso con spiegazione del contesto archeologico. A seguire, il momento conviviale delle degustazioni a tema, con piatti e pietanze tipiche dell'Antica Roma. Vi aspettiamo numerosi”.
Ingresso 6 euro per gli adulti, 3 euro i ragazzi dai 9 ai 13 anni accompagnati da un adulto partecipante. 

"ALLANEME DE 'A BOTTE" IL WEEK END DEL TEATRO TUROLDO

Quando, in una famiglia, un uomo è sovrastato dalla potenza dei suoi famigliari ed è succube di tutto e tutti, non riuscendo ad ottenere un po'di tranquillità neanche nel suo giorno di riposo lavorativo, escogita qualsiasi piano pur di prendere in mano le redini della sua vita. È quello che succede al protagonista di questa commedia, Giorgio, che, ormai stanco dei continui "sfruttamenti" da parte dei suoi cari, approfitta di una situazione particolare per prendere in mano le redini della sua famiglia e per sistemare tutte quelle situazioni che sino ad allora lo opprimevano e sulle quali non aveva mai avuto la possibilità di mettere parola. Giorgio cerca di "liberarsi" con quasi ottimi risultati di un suocero troppo petulante, di una moglie troppo autoritaria, di una sorella che lo vorrebbe più presente con le problematiche della loro madre, di un genero bambinone. Tutto avviene a causa di una caduta dovuta ad una distrazione, Giorgio perde la memoria e ha un cambiamento brusco nel suo atteggiamento, divenendo così un uomo scontroso, schietto, un uomo che dice tutto ciò che pensa, senza preoccuparsi dei danni che le sue repentine decisioni hanno sulle persone che lo circondano. Quelle stesse persone che mentre prima non gli permettevano di mettere bocca in alcuna situazione, ora sono più che accondiscendenti e comprensivi, perché Giorgio non è più quello di una volta.  Ma non lo è più davvero? E per quanto sarà così?     

Anche in questa commedia si cerca con la risata di trasmettere la morale, in quanto con la comicità sono trasmessi i significati profondi di una comune realtà.  Il dialogo è l'elemento chiave di tale commedia, nonché l'importanza della comunicazione come elemento indispensabile in una famiglia. In questa commedia si respira il profumo della quotidianità di una tipica famiglia che nonostante le sue mille problematiche trasmette unità in qualsiasi momento. 

ATTORI / INTERPRETI



  • Tobia Orazio Pica                                 Giorgio
  • Aldo Solito                                          Cataldo
  • Chiara Vinci                                        Mariella
  • Rosanna D'Alò                                    Paola
  • Nicola Carpignano                              Fausto
  • Grazia Vozza                                      Lina
  • Angelo Solito                                      Rino
  • Elena Resta                                        Pompea
  • Franco Boccuni                                  Prospero
  • Cosimo Solito                                     Franco
  • Sergio Tersigni                                   Dottore


 Regia: Aldo Solito
 Direttore di scena: Francesco D'Alò
 Scenografia: Aldo Solito, Angelo Solito  

lunedì 12 ottobre 2015

"ZERO IPA: IL CONTROLLO AMBIENTALE DEI CITTADINI" IL 13 OTTOBRE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO



Martedì 13 ottobre alle ore 17.30 verrà presentato il libro “Zero IPA: il controllo ambientale dei cittadini” presso la libreria Gilgamesh a Taranto in via Oberdan 45.
Il libro nasce dall'esperienza di PeaceLink e della start up EuThink, che hanno eseguito numerose misurazioni della qualità dell'aria a Taranto, in Puglia e in altre parti d'Italia. In particolare il libro parte dalle misurazioni svolte durante il Green Tour che ha riguardato i luoghi dove l'aria è più salubre. Il libro elabora una strategia per il controllo e il contenimento dell'inquinamento atmosferico e getta le basi per un marchio di qualità dell'aria definito “Zero IPA”.

Gli IPA sono molecole cancerogene ubiquitarie che caratterizzano le città, le aree industriali e tutti i luoghi e le situazioni in cui avvengono combustioni inquinanti. Il taglio del libro è divulgativo e punta a far avvicinare i cittadini a concetti e a termini complessi ma particolarmente importanti per comprendere i fenomeni dell'inquinamento atmosferico e per intraprendere un cammino consapevole di cittadinanza attiva. Tale strategia è definita a livello mondiale “citizen science”, ossia cittadinanza scientifica.

Nell'ambito della presentazione del libro “Zero IPA” verranno mostrate alcuni dispositivi di monitoraggio che rientrano nella strategia della “citizen science”:

- l'analizzatore portatile di IPA Ecochem PAS 2200 CE;


- il dispositivo di valutazione del particolato atmosferico iSPEX mediante iPhone;


- la app WideNoise per smartphone per la misurazione dell'inquinamento acustico;


- un dispositivo portatile per determinazione del monossido di carbonio espirato.

Alla presentazione del libro interverranno:

- Daniele Marescotti, autore del libro;

- Fulvia Gravame, responsabile del nodo PeaceLink di Taranto;

- Maria Cristina Nocerino, dottoressa specializzata in pneumologia.

Per leggere la presentazione, l'indice e un estratto del libro si può cliccare su

http://www.ibs.it/ebook/marescotti-daniele/zero-ipa/9786050408010.html

Per PeaceLink

Fulvia Gravame

responsabile nodo PeaceLink Taranto

www.peacelink.it

"PROCESSO ILVA" IL 20 OTTOBRE IL PRESIDIO-MANIFESTAZIONE INDETTO DAL COBAS

Il 20 ottobre comincia dopo una lunghissima e combattuta udienza preliminare il vero e proprio processo alla famiglia di padron Riva e a tutti i suoi complici che hanno reso tristemente famosa l'Ilva come 'fabbrica della morte' e Taranto come 'capitale del popolo inquinato'.


Il processo Ilva mostra esemplarmente il sistema del capitale ed è la “madre” di tutti i processi di questo tipo. Gli imputati sono tutte le espressioni del sistema economico, politico, istituzionale, dai grandi capitalisti ai loro agenti, dai rappresentanti delle Istituzioni, parlamentali, regionali e locali, ad esponenti della Digos e delle Forze dell'Ordine, dai dirigenti degli Enti che dovevano controllare, fino a preti vicino ai vertici della chiesa.
Mancano, ed è una grave lacuna del processo, i vertici e i rappresentanti in fabbrica dei sindacati confederali. E il quadro del sistema borghese sarebbe completo. 
L'Ilva è al centro oggi della contraddizione epocale tra gli interessi del capitale e gli interessi degli operai e delle masse popolari, tra la logica del profitto e la salute, la vita degli operai e delle masse popolari.

Ma il processo Ilva è oggi soprattutto espressione dell'azione dei governi, e oggi in particolare del governo Renzi, che in nome di salvare gli interessi dei padroni e gli interessi dell'economia nazionale dei padroni legati alla produzione dell'Ilva, non hanno esitato e non esitano ad agire contro il processo con decreti e azioni ad hoc che ne vogliono impedire lo svolgimento, mettere al riparo gli imputati e negare giustizia e risarcimento a operai e masse popolari.
L'Ilva mostra in maniera esemplare come lo Stato sia sempre e solo al servizio del capitale. La gestione attuale di Stato e di governo dell'Ilva mostra che l'intervento dello Stato borghese serve solo per socializzare le perdite e in futuro, nuovamente, privatizzare i profitti.
Per questo il processo Ilva è una grande scadenza nazionale.

E' a questa scadenza nazionale che chiamiamo come operai dell'Ilva, lavoratori del cimitero luogo di massima concentrazione di inquinamento ai Tamburi, proletari e famiglie dei quartieri Tamburi e Paolo VI, costituitisi parte civile autorganizzati al processo con l'appoggio dello Slai cobas per il sindacato di classe e la Rete nazionale per la sicurezza e la salute sui posti di lavoro e territori, a un
presidio-manifestazione nazionale al Tribunale, alla fabbrica e al quartiere Tamburi per il 20 ottobre.

Chiamiamo tutte le realtà collettive ed individuali, impegnate nella lotta anticapitalista e contro le devastazioni ambientali e territoriali, a mandare l'adesione, a propagandare la scadenza in tutte le forme e in tutti i luoghi di lavoro, territori, scuole, università, ecc. e a partecipare con delegazione all'iniziativa.

Info: bastamortesullavoro@gmail.com

domenica 11 ottobre 2015

"NON SONO MIMI'... MA" IL LIVE DEDICATO A MIA MARTINI

Una serata live dedicata ad una delle icone della musica italiana Mia Martini. 
Non sono Mimì ma… è questo il Live proposto al Teatro Turoldo di Taranto dal trio composto da Antonello De Bartolomeo (pianoforte & Live Key) Michele Zingaro (chitarra) e Anna Rodia (voce).
Uno spettacolo dedicato non solo alla mitica Mimì ma anche a agli artisti che hanno collaborato con lei.


Tutto questo potrete viverlo solo e in esclusiva sul nostro sito....
dove i protagonisti siete voi.

FOTO: Martino Marzella
1° PARTE
  2° PARTE

giovedì 8 ottobre 2015

TRAGEDIA AL BALLOON FESTIVAL DI MATERA. MORTI DUE STUDENTI

La Procura ha aperto un’inchiesta. Quella che doveva essere una festa si è tramutata intragedia. Forse a causa dell’urto con i cavi dell’alta tensione, il 17enne Giuseppe Nicola Lasaponara e il 20enne Davide Belgrano hanno perso la vita al Balloon Festival. Lamongolfiera sulla quale viaggiavano i due studenti dell’istituto Olivetti è precipitata dal cielo di Montescaglioso, nella provincia di Matera. Numerosi i messaggi di cordoglio giunti dal mondo politico lucano, tra cui quello di Marcello Pittella: “Profonda tristezza per quanto accaduto a Montescaglioso. Cordoglio e vicinanza alle famiglie dei due ragazzi scomparsi, ha detto in un tweet il presidente della Regione Basilicata. 
Oltre al dolore ed alla tristezza, occorre fare chiarezza su quanto accaduto all’interno della singolare manifestazione – è stata annullata dagli organizzatori – nella quale si esibiscono i palloni aerostatici. Un incidente che deve aver avuto conseguenze drammatiche a causa della non corretta gestione del pericolo: dopo l’urto con i cavi, uno dei due ragazzi materani si sarebbe lanciato nel vuoto, spaventato, per poi essere emulato dal compagno. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, gli operatori sanitari del 118, e le forze dell’ordine, che non hanno potuto fare altro che accertare il dramma consumatosi nei pressi della Capitale europea della cultura per il 2019. Il primo cittadino Raffaello De Ruggieri ha proclamato il lutto cittadino.
FONTE: http://www.net1news.org/cronaca/matera-tragedia-al-balloon-festival-precipita-mongolfiera-2-studenti-morti/

mercoledì 7 ottobre 2015

"NON SONO MIMI' ... MA" PROSSIMAMENTE SU TARAStv

Una serata live dedicata ad una delle icone della musica italiana Mia Martini. 
Non sono Mimì ma… è questo il Live proposto al Teatro Turoldo di Taranto dal trio composto da Antonello De Bartolomeo (pianoforte & Live Key) Michele Zingaro (chitarra) e Anna Rodia (voce).
Uno spettacolo dedicato non solo alla mitica Mimì ma anche a agli artisti che hanno collaborato con lei.
Tutto questo potrete vederlo solo e in esclusiva su www.tarastv.it

FOTO: Martino Marzella

IL TARANTO FC E' CAPOLISTA. RICORSO VINTO CONTRO IL BISCEGLIE

Il Giudice Sportivo porta il Taranto al primo posto. Il reclamo presentato dal Taranto avverso la posizione irregolare del centrocampista Ngom (nella foto) è stato accolto dal notaio Francesco Riccio, assegnando la vittoria a tavolino ai rossoblu, che sul campo avevano perso 2-1. Di seguito, il dispositivo del giudice sportivo:
- esaminato il reclamo del 18 settembre 2015 proposto dalla TARANTO FC1927, con il quale si deduce la irregolare posizione, nella gara in epigrafe, del calciatore NGOM NDIAGA tesserato per la A.S. BISCEGLIE CALCIO 1913;
- rilevato che al calciatore summenzionato, all'epoca tesserato per la società Football Sesto 2012, è stata comminata la squalifica per una gara per recidività in ammonizione, di cui al C.U. n. 43 del 07 maggio2015 emesso dalla F.I.G.C., Delegazione provinciale di Milano, per le gare della 15º giornata di ritorno del Campionato juniores Milano 2014/2015, disputate in data 2 maggio 2015;
- rilevato che la summenzionata squalifica non è stata scontata nel Campionato Juniores Milano 2014/2015, essendo quella del 2 maggio 2015l'ultima gara della stagione sportiva 2014/2015 disputata dalla Football Sesto 2012;
- rilevato che la medesima squalifica per una gara non è stata scontata nel corso del Campionato di Serie D 2015/16 essendo stato il calciatore NGOM NDIAGA impiegato in tutte le prime tre giornate di campionato, inclusa la gara del 16 settembre 2015, terza del girone di andata, di cui in epigrafe, alla quale, pertanto, ai sensi dell'art. 22, comma 6, del Codice di Giustizia Sportiva, il medesimo non aveva titolo a partecipare;
P.Q.M.
Delibera:
1) di accogliere il reclamo;
2) di infliggere alla A.S. BISCEGLIE CALCIO 1913 la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3;
3) di non addebitare la tassa di reclamo.

martedì 6 ottobre 2015

"INGLESE? NO GRAZIE... SONO TARANTINO" AL TUROLDO CON IL LABORATORIO DI MIMMO FORNARO

I biglietti dello spettacolo "Inglese? No grazie, sono Tarantino" sono già disponibili e il costo è di 5€. Per sostenere il mio e tutto il teatro locale basterebbe che in tanti affollassero le sale vincendo la pigrizia dell'allontanarsi da casa per recarsi alle poltrone di una platea. Il mio scopo e quello della mia compagnia è quello di replicare quanto più possibile i miei spettacoli per continuare a "limare" un lavoro teatrale fino a raggiungere il meglio dalla regia e della recitazione. Lo spettacolo cresce col pubblico, col suo respiro, col suo cuore che pulsa insieme a quello dell'attore in scena. Fate in modo che questa mia/nostra ambizione possa continuare ad essere appagata. Tutti abbiamo bisogno di emozioni. Noi cercheremo di fare del nostro meglio affinché non vi manchino mai e voi non smettete di trasmettercele col calore che finora ci avete dimostrato. Vi aspettiamo in teatro, quindi. Sarà il vostro modo di sponsorizzarci e quindi, vi prego... Non chiedeteci biglietti omaggio!
Vi aspettiamo il 15 e il 22 Ottobre al Teatro Turoldo di Taranto.
MIMMO FORNARO

FOTO: Alessandra Fornaro

sabato 3 ottobre 2015

"FESTA TRICOLORE A MONTEIASI" I PROTAGONISTI


"A TARANTO SERVONO CENTRALINE IDONEE" MATACCHIERA SCRIVE AD ASSENNATO

-Egr. Prof. Giorgio Assennato, io potrei “lavorare per il Re di Prussia”, come dice lei (un modo per dire che lavoro per niente e quindi anche anche beffardamente a mio danno), ma il danno che potrei arrecare io, da semplice cittadino, non sarebbe mai così grande come quello che potrebbe arrecare un uomo che ricopre un ruolo istituzionale molto importante come il suo. Si ricordi, per esempio, la fine che fece il Maresciallo di Francia, incapace di coordinare le proprie truppe sul campo di battaglia, divenuto il naturale capro espiatorio del disastro di Rossbach.
Nella mia nota del 1 ottobre scorso, riportata anche dalla stampa, a cui lei prontamente ha risposto, ho solo espresso il dubbio in merito all’efficacia del piccolo dispositivo che si applica sul proprio smartphone che da molti viene ormai erroneamente considerato come il misuratore portatile dell’inquinamento atmosferico. Sul sito di Arpa Puglia viene addirittura definito “strumento scientifico per misurare minuscole particelle nell'atmosfera che contribuiscono all'inquinamento atmosferico e le sue conseguenze”. Un apparecchietto che si installa, come una appendice posticcia, sulla fotocamera del cellulare e che funzionerebbe grazie ad una applicazione da scaricare sull’i-Phone. Probabilmente non sa che a Milano ed in altre città viene già venduto anche nei supermercati a pochi euro e che forse, a breve, vedremo anche sui cataloghi di oggetti per la casa della D-Mail.
Ho l’impressione che si stiano creando false aspettative tra i cittadini e molti sono gli operai che lavorano nelle industrie vicine che ci chiedono con come si faccia ad averlo. Come lei sa meglio di me, questo giocattolino non è in grado di fare le analisi di tipo qualitativo, ma riesce a fare delle fotografie per rilevare la presenza di "torbidità", senza far distinzione se trattasi di cancerogeni, di gocce di umidità, di nebbia o, per esempio, di polvere di borotalco. 
Soffermandoci troppo sulla “bontà” di questo aggeggio, ho la sensazione che si possa scadere nel pressapochismo e persino nel ridicolo, soprattutto se pensiamo che nella mia sfortunata città non si sa ancora se le centraline, quelle Vere della qualità dell’aria di Taranto siano efficaci a rilevare i fenomeni di inquinamento industriale o meno e se le stesse forniscano dati qualitativamente validi ai sensi della UNI CEI EN 17025. La nostra è una esigenza di conoscere l’adeguatezza dei sistemi di monitoraggio e controllo della rete urbana di centraline Arpa e di quelle alloccate a ridosso dell’area industriale.
Il problema, infatti, non risiede nel dato relativo alla qualità dell’aria urbana, ma nella quantificazione e nella qualificazione del contributo emissivo derivante da fonte industriale rilevabile nei punti di massima ricaduta, ove identificati. Altro elemento di fondamentale importanza è sapere quali parametri siano stati ricercati, se quelli tipici di qualità dell’aria (da traffico) o anche quelli di natura industriale. Non sono certamente io a doverle spiegarle l’importanza dell’applicazione di modelli a recettore per la stima dei contributi delle sorgenti, come anche l’importanza di identificare correttamente il posizionamento delle centraline di monitoraggio onde evitare di sottostimare i diversi contributi emissivi.
Le relazioni sulla qualità dell’aria riportate sul sito istituzionale dell’Arpa Puglia non forniscono indicazioni sulla conformità d delle misure agli obiettivi di qualità del dato.
Inoltre, dal sito istituzionale della stessa Agenzia, di cui lei è il direttore, non si ha evidenza delle attività di verifica in campo svolte dal personale ARPA Puglia sulle prestazioni dei sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SME), dei risultati rinvenienti dalle attività di campionamento e analisi delle emissioni in atmosfera, dei controlli effettuati a camino e dei risultati della rete dei deposimetri per il controllo del particolato delle polveri di deposizione.
In qualità di semplice cittadino, le chiedo, pertanto, di rendere pubbliche tali informazioni, come previsto dalla norma sulla trasparenza, così come tutti i risultati dei suddetti controlli eseguiti almeno nel corso degli ultimi due anni, anche al fine di rassicurare la popolazione sul rispetto dei valori limite di emissione e sulla valutazione del contributo emissivo dei singoli impianti insistenti nell’area industriale, sia di tipo convogliato, sia di tipo diffuso.

venerdì 2 ottobre 2015

"PARCO ARCHEOLOGICO DI SATURO" UN LABORATORIO PER SCOPRIRE LA PREISTORIA

Homo Sapiens per un giorno. Con la possibilità di degustare – in chiave decisamente più moderna- pietanze dell’alimentazione dell’epoca, ma soprattutto di cimentarsi con un’arte antichissima che affonda le sue radici nei graffiti. Ci sarà tutto questo e molto altro nel nuovo appuntamento al Parco Archeologico di Saturo (marina di Leporano, Taranto) con il laboratorio “Il Paleolitico. Le pitture parietali nelle grotte preistoriche” in programma domenica 4 ottobre alle 10.30. È aperto a famiglie, comitive, adulti e bambini che potranno vivere una mattinata insolita, all’insegna dell’archeologia sperimentale. Ingresso 6 euro per gli adulti, 3 euro i ragazzi dai 9 ai 13 anni accompagnati da un adulto partecipante. Consigliata la prenotazione, info: 340.7641759, 327.7161397.
L’evento, unico nel suo genere, nasce da un’iniziativa della Cooperativa Polisviluppo- gestore del Parco- che punta ad aprire l’archeologia al grande pubblico con l’idea di fare cultura con il gioco e la didattica, di conoscere attraverso l’esperienza diretta.
I laboratori, inoltre, rappresentano un’esclusiva per la provincia di Taranto, ideata per appassionati del settore e semplici curiosi che vogliono ripercorrere in modo originale la storia delle origini dell’uomo e delle forme d’arte. Un salto nel mondo della Preistoria, insomma, quando il primo Homo Sapiens iniziò ad esprimere la propria arte attraverso le pitture parietali in grotta. Rappresentazioni colorate e straordinarie, rinvenute nelle oscure caverne di tutto il mondo. Non solo esempi di arte figurativa ma anche di esperienze ancora ricche di enigmi. La Polisviluppo, attraverso il suo personale specializzato, coordinato dalla figura di un archeologo-preistorico, domenica aprirà ai visitatori le porte di un periodo storico meraviglioso e carico di misteri ancora irrisolti, agli albori della civiltà umana.
In una Cisterna Ipogeica del II sec. d.C. (con pareti che rievocano le grotte preistoriche) si realizzeranno miscele di pigmenti naturali colorati, seguendo fedelmente le tecniche utilizzate dall'uomo preistorico. I partecipanti avranno l'opportunità di riprodurre numerosi soggetti tipici dell’arte di quel periodo storico, rivivendone le atmosfere affascinanti e misteriose. 
“Fino a questo momento- commenta l’archeologo Gianluca Guastella-  abbiamo notato un grande entusiasmo. Ci sono persone che sono venute la volta scorsa e si sono già prenotate per domenica prossima. È una scommessa per il territorio: con questa ricostruzione storica laboratoriale vogliamo offrire un servizio di qualità e, allo stesso tempo, dinamico e innovativo. Non a caso, da qualche anno, abbiamo attrezzato il Parco con un’area tematica, quella dell’Arkeogiochi, dedicata all’archeologia sperimentale per grandi e piccoli”.
Informazioni, curiosità, immagini andranno di pari passo con la pratica manuale e la degustazione di pietanze, servite in uno spazio appositamente allestito, che ripercorre ambientazioni e tradizioni alimentari dell’uomo preistorico, accuratamente rivisitate per la gioia dei visitatori. “Si tratta di un altro momento ricostruttivo e di convivialità- conclude Guastella- che vogliamo offrire a chi parteciperà ai laboratori. Solo un consiglio: dal momento che sono attività pratiche, indossate abiti comodi”.
I laboratori proseguiranno anche nelle prossime settimane, con la possibilità di organizzare giornate a richiesta (anche infrasettimanali) per gruppi di minimo 10 persone e di ospitare intere scolaresche.

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv