Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

lunedì 27 febbraio 2012

STEFANO DA L'ULTIMATUM ALL'ILVA, MA INTANTO ECCO L'OMBRA DI UN ALTRO INCENERITORE


A Taranto è in arrivo un altro inceneritore di rifiuti. È il quarto su cinque autorizzati in Puglia. Un record. Con la determina del 13 gennaio 2012, pubblicata sul bollettino ufficiale della Regione Puglia il 9 febbraio, si autorizza la costruzione di un inceneritore di rifiuti pericolosi e non pericolosi nella zona industriale, con capacità di smaltimento di 8.500 tonnellate l’anno, oltre a un impianto di stoccaggio. L’azienda che lo realizzerà è la Ecodi srl con sede legale in contrada Santa Chiara, nella zona industriale tarantina, che aveva richiesto le autorizzazioni il 21 ottobre 2010.Inceneritore
La determinazione esecutiva è firmata dal dirigente servizio ecologia della Regione Puglia, Antonio Antonicelli, che ne dichiara la conformità con il Piano di gestione dei rifiuti della Puglia, e dalla funzionaria del comitato regionale di Via (valutazione di impatto ambientale), Carmen Mafrica. Comune e Provincia di Taranto, che avevano potere di esprimere parere, anche negativo, al progetto, entro il 21 dicembre 2011, nonostante fossero stati sollecitati, hanno taciuto e così la Ecodi realizzerà l’impianto, che affiancherà un forno già esistente dell’azienda, e potrà bruciare rifiuti ospedalieri e sanitari in genere, ma anche urbani, derivanti da attività commerciali, da raccolta differenziata, scarti alimentari o prodotti agricoli.
Il nuovo inceneritore sarà ubicato tra la raffineria di Taranto Eni e l’acciaieria Ilva, a poco più di un chilometro dal rione Tamburi e dall’inceneritore pubblico di proprietà dell'Amiu, ancor meno dal cementificio Cementir autorizzato a bruciare cdr, e a qualche chilometro dall’Appia Energy di Massafra, inceneritore Cisa, che ha già inoltrato la richiesta per raddoppiare le sue linee.

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv