Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

lunedì 27 febbraio 2012

IL SINDACO CHIEDE LA CHIUSURA DELL'ILVA PROVOCANDO ILARITA'


 Il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano, ha firmato un'ordinanza sindacale con la quale impone all'Ilva di adottare una serie di provvedimenti per limitare o abbattere le emissioni nocive entro 30 giorni a partire dalla notifica dell'atto.
In caso di mancata osservanza, il primo cittadino chiede di sospendere l'attività. L'ordinanza fa seguito ad una lettera del procuratore della Repubblica di Taranto, Franco Sebastio, con la quale si informavano Regione, Provincia e Comune dei risultati della perizia chimica sulle emissioni inquinanti dell'Ilva disposta con incidente probatorio nell'ambito di un'inchiesta che vede Emilio e Nicola Riva e altri due dirigenti dell'Ilva indagati. Le ipotesi di reato sono quelle di disastro colposo e doloso, avvelenamento di sostanze alimentari, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, danneggiamento aggravato di beni pubblici, getto e sversamento di sostanze pericolose e inquinamento atmosferico. Il sindaco scrive nell'ordinanza che dalla perizia «si desumono elementi conoscitivi tali da destare particolare allarme» e che sussistono «le condizioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica e dell'ambiente».

L'ordinanza 
è stata pubblicata all'albo pretorio del Comune e notificata anche al ministero dell'Ambiente, all'Istituto superiore per la Protezione e la ricerca ambientale (Ispra), alla Regione Puglia, alla Provincia di Taranto, all'Arpa Puglia e alla Asl di Taranto, nonchè per conoscenza al Prefetto di Taranto, Claudio Sammartino, e procuratore della Repubblica di Taranto, Franco Sebastio. Nell'ordinanza il sindaco impone all'Ilva di procedere entro 30 giorni «alla installazione sul camino E312 dell'impianto di agglomerazione di un sistema di campionamento di lungo periodo», «di adottare idonee ed efficienti modalità di contenimento del sistema di scarico delle polveri abbattute dagli elettrofiltri a servizio del camino E312», «di avviare con immediatezza le attività finalizzate alla realizzazione, nel più breve tempo tecnicamente possibile, di adeguato sistema di abbattimento polveri relativo alle acciaierie», di procedere per l'area batterie al «completamento delle procedure operative e gestionali, finalizzate ad evitare o minimizzare le emissioni fuggitive». Da parte sua l'Ilva ha «obbligo di comunicare il crono programma entro 15 giorni e di aggiornare periodicamente l'ente». Il Comune chiede inoltre all'Ilva, sino all'adozione dei provvedimenti previsti dall'Autorizzazione integrata ambientale (Aia), «di limitare la produzione effettiva a non oltre 10 milioni di tonnellate annue». 

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv