Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

sabato 26 dicembre 2020

"UNA PUNTURINA E PRENDI IL VOLO" RYAN AIR PER IL VACCINO ANTICOVID

 

Ryanair si fa "testimonial" del vaccino anti Covid-19. "Prenota la tua estate, vaccini in arrivo. Una punturina e prendi il volo. Tanti posti a soli 19,99 euro" è, infatti, il claim che Ryanair, regina tra le compagnie aeree low-cost in Europa, ha pubblicato questa mattina sul suo sito per promuovere l'acquisto di biglietti aerei, a un prezzo stracciato, per viaggiare dall'1 aprile e fino al 31 ottobre. L'offerta, di cui già si vociferava nei giorni scorsi, arriva in home page e sui social di Ryanair proprio nel giorno in cui i vaccini sono arrivati all'Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani. Da Ciampino e da Fiumicino, dove la compagnia ha diversi aeromobili, si possono raggiungere numerose località di Spagna, Francia, Germania, Inghilterra, ma si vola anche nell'est Europa. Nel periodo della promozione, per esempio, arrivare da Ciampino a Bucarest costerà 11,99 euro, ancora meno dei 20 euro scarsi di lancio dell'offerta. Ma sempre dopo la "punturina". E se ci si ripensa, se qualcosa va storto, non c'è alcun "supplemento per il cambio". Intanto, almeno su Facebook, piovono commenti. "Significa che chi non è vaccinato non potrà viaggiare?", si chiedono in molti. "Speriamo proprio che sia così: bene far salire sugli aerei solo i vaccinati" oppure "Sono contro il 'passaporto sanitario'", ribattono altri.

EMERGENZA COVID - 19. L'ARRIVO DEI VACCINI A ROMA

venerdì 25 dicembre 2020

EMERGENZA COVID - 19. L'ARRIVO DEI VACCINI IN ITALIA

NAPOLI. NON SI COMPIE IL MIRACOLO DI SAN GENNARO

MAZARA DEL VALLO. I PESCATORI LIBERATI IN LIBIA TORNANO A CASA


Piove a dirotto a Mazara, ma il rumore della pioggia incessante, all'incirca verso le 10, è stato coperto dal suono delle sirene dei motopesca ormeggiati in porto e dalle urla di gioia dei familiari dei 18 pescatori appena tornati con i loro pescherecci, Medinea e Antartide, dopo una prigionia di quasi 110 giorni nelle carceri della Libia. A scortare i due motopesca, che 48 ore addietro hanno lasciato il porto di Bengasi, una unità della Marina Militare. A terra tantissima gente e con un sistema di sicurezza assicurato da forze dell'ordine, sanitari, protezione civile, soprattutto per evitare contagi Covid 19.


LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO