Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

mercoledì 7 maggio 2014

"A FAR L'EUROPA COMINCIA TU" MASSIMILIANO STELLATO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Un vecchio adagio recita: “Intelligenza: quando ti accorgi che il ragionamento del tuo principale
non fila. Saggezza: quando eviti di farglielo notare.”
Qualche giorno fa ho avuto modo di incontrare il candidato di Scelta Europea Sud
Massimiliano Stellato, Assessore al Decentramento del Comune di Taranto, eletto consigliere
UDC, poi passato al Centro Democratico. Già questo basta a manifestare la natura al quanto
“ballerina” del politico ionico.
Ore 12:00 Giunto nella sala conferenza al secondo piano dell’Hotel Plaza, su Via D’Aquino, a
Taranto, è lui, seduto al tavolo dei relatori, a salutarmi per primo con un sorriso. Ci conosciamo
da lungo tempo, per via del fatto che il Comune di Taranto ha da sempre patrocinato le
iniziative socio-culturali promosse dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, di cui
sono presidente.
Ore 12:55 Al termine della conferenza mi introducono a lui e all’onorevole Bruno Tabacci (di
cui ho già ampiamente parlato in un precedente resoconto), con la solita frase di rito, che
sempre mi provoca un senso di estraneità: “Lui è Luigi Pignatelli, un grande operatore
culturale, attore, scrittore, etc. Fa tantissimo per questa città!” Il mio imbarazzo stavolta dura
poco, smorzato da Stellato che, con fare molto amichevole, interviene: “Lo conosco bene!” Gli
chiedo se posso fargli qualche domanda e l’assessore, accomodante come pochi, mi offre la
propria disponibilità. Ma prima deve dedicarsi ad alcuni sostenitori; impiegherò questi minuti

per interloquire con Tabacci in un’altra saletta.
-->
Ore 13:10. Conclusosi il faccia a faccia con l’uomo del nord, nella saletta sopraggiunge
Massimiliano Stellato, al quale Tabacci, dopo avermi lanciato un ultimo sguardo di disprezzo,
sussurra qualcosa nell’orecchio. L’atteggiamento dell’assessore muta. Ci accomodiamo su un
divanetto. Gli chiedo se è possibile filmare la nostra chiacchierata e lui si dimostra contrariato.
Gli chiedo di registrare l’audio, si oppone, con garbo, anche a questo. Inizio a percepire
tensione nell’aria. Gli regalo la spilletta che avevo appesa al collo, corredando il gesto con una
breve spiegazione della campagna “A far l’Europa comincia tu!”. La accetta, ma non la indossa.
Il suo sguardo sembra comunicarmi: “Ti prego, Luigi, lo sai che ti stimo e proprio per questo, ti
imploro, non mettermi nei guai.” Gli chiedo delucidazioni in merito agli sviluppi dell’apertura
del registro delle coppie di fatto. Mi risponde, turbato: “Il registro di fatto si farà.” Lo incalzo:
“Quando? La mia associazione ha avanzato la proposta per la sua apertura un anno e mezzo fa.
Ma nessuno ci ha ascoltati. Poi 5 mesi fa, il capogruppo del PD in sede di consiglio comunale
ha avanzato la medesima proposta, a cura della segreteria provinciale del partito.” Interviene:
“Scrivi questo...” è inizia a sillabare, quasi fosse una poesia imparata a memoria: “Siamo
favorevoli a riconoscere i diritti di tutti i cittadini, intendendo pari...” Si interrompe “Aspetta,
devo andare ad avvisare alcune persone che mi stanno aspettando.” Si allontana, forse per farsi
ripetere dal suo “generale” il resto dell’elegia e, negli interminabili minuti in cui lo attendo, mi
pare di stare nel meraviglioso mondo di Alice, tra creature fatate, regine tiranne, fiori carnivori,
cantastorie, gatti che appaiono e scompaiono: il volto di ogni persona attorno a me sembra
simulare uno dei personaggi di Lewis Carroll. Il che mi turba e mi diverte al contempo.
Torna, si siede alla mia sinistra e riprende la filastrocca dall’incipit: “Siamo favorevoli a
riconoscere i diritti di tutti i cittadini, intendendo pari... no, intendendo al pari ciascuno di essi.
Certo [è, ndr] che non ci ergiamo a sindacalisti...” Sorrido e, immediatamente, mi scuso: “Scusa
se sorrido, ma il tuo capolista ha usato la stessa espressione.” “Quale?” “Sindacalisti.” Riprende,
senza battere ciglio: “Sindacalisti di una parte soltanto di una parte di essi.” Il candidato è
chiaramente turbato: lo sviluppo della proposizione non è affatto fluente, balbetta, inizia a
sudare. Per lui si tratta di un argomento scottante.
Gli chiedo se è a conoscenza della piattaforma Come out di ILGA. Con l’espressione di un
bimbo scoperto con la manina nel barattolo della marmellata, mi risponde che non sa cosa sia.
Gli lascio un cartaceo “affinché tu te la possa studiare con calma.” Mi lascia il suo numero di
telefono e mi dice: “Chiamami quando vuoi.”


Personalmente non credo che Massimiliano Stellato sia una persona cattiva, anzi, mi fa tenerezza. Ma ho la convinzione che debba obbedire ai piani alti. E chi impera al vertice del suo partito non ha affatto a cuore i diritti della comunità LGBTI. N.B. Il Comune all’interno del quale Stellato riveste il ruolo di Assessore ha, appena saputo dell’affiliazione all’Arcigay, preso le distanze dall’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus e, malgrado le richieste, non ha mostrato alcuna volontà di entrare nella rete RE.A.DY né collaborazione nell’organizzazione della Settimana contro l’Omofobia, negandoci, per giunta, l’utilizzo di sedi istituzionali. La stragrande maggioranza di politici, banchieri, confratelli ed esponenti del clero qui è intersessuale, – e mi assumo tutte le responsabilità di quello che dico, in quanto testimone – ergo si preferisce stendere un pietoso velo di omertà, poiché per tutti loro è molto più comodo continuare a condurre due vite parallele. Taranto, la mia amata città; Taranto, la città in cui i giornali locali non fanno cenno alle attività promosse da Arcigay e, improvvisamente, iniziano a cestinare i comunicati di un’associazione che da sempre hanno stimato e celebrato, solo perché ad Arcigay si è affiliata; Taranto, la città in cui oggi, 5 maggio 2014, una manifestazione, prevista per la terza settimana di maggio, è stata annullata perché tra i relatori ci sarei stato io, e non in veste di talentuoso (così dicono in giro) attore, bensì in rappresentanza di Arcigay; Taranto, la città in cui l’eterosessualità e, soprattutto, il rispetto e l’onesta sono in via d’estinzione. Per ora, Arcigay Taranto sconsiglia il candidato di Scelta Europea Massimiliano Stellato.
 Luigi Pignatelli Presidente Associazione Culturale Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto
-->

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv