Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

domenica 2 febbraio 2014

PALLANUOTO: RARI NANTES TARANTO - ARECHI SALERNO 9 - 14

Partita pirotecnica nello Stadio del Nuoto di Bari, con la Rari Nantes Taranto che deve ancora rimandare l’appuntamento con la vittoria alla prossima gara. I ragazzi di coach Vidovic vedono esultare la 4x4 System Salerno che si impone per 9 – 14. E’ stato un match emozionante, a tratti scoppiettante per la quantità di gol realizzati e per l’alto tasso tecnico dimostrato in vasca dalle due formazioni. Per gli jonici un’altra occasione per crescere e consolidare l’esperienza in un campionato di serie B difficile e faticoso. Sugli scudi per Taranto, ancora una volta, il bomber Federico Patti autore di tre gol, Carucci e Chieco con una doppietta a testa. I padroni di casa recriminano per una rete annullata proprio a Patti (secondo l’arbitro la conclusione è arrivata dopo il suono della sirena) e per una serie di superiorità numeriche che non hanno sortito gli effetti sperati.
In casa Taranto ora occorre quanto prima metabolizzare la quarta giornata di campionato, sabato prossimo si torna in Sicilia per il match contro la corazzata Canottieri 7 Scogli Siracusa.

LA CRONACA.
1° TEMPO. Vidovic parte con Vettone, La Tartera, Conte, Liuzzi, Carucci, Chieco e Patti. L’inizio è da shock per Taranto, dopo soli due minuti Salerno segna la prima rete con Begovic. Il gol a freddo spiazza i padroni di casa, Chieco viene espulso e al suo posto entra Davide Oliva. Dopo pochi istanti l’Arechi si porta sullo 0-2, è ancora Begovi a realizzare, questa volta dalla distanza.
I colpi incassati svegliano la squadra di casa, Taranto accorcia le distanze con La Tartera che apre un frangente positivo per la Rari Nantes. Infatti gli jonici si ritrovano in momentanea superiorità e ne approfittano al meglio, consentendo a Carucci di segnare e riacciuffare il pari. Ristabiliti i numeri, anche in acqua, Salerno è però cinica a sfruttare la successiva superiorità e Spatuzzo mette alle spalle di Vettone. Successivamente l’espulsione di La Tartera consente la quaterna campana, firmata ancora da Begovic. Intanto il bomber rarinantino Federico Patti scalda le mani al portiere ospite, trafiggendolo con la rete del 4-3. Ancora Patti sugli scudi a pochi secondi dal termine dell’azione, riesce a segnare ma l’arbitro annulla la rete perché, secondo il direttore di gara, arrivata dopo il suono della sirena.

-->
2° TEMPO. All’inizio della seconda frazione Taranto riscende in vasca con grinta e volontà. In apertura i padroni di casa usufruiscono di un rigore e Patti mette a segno il pareggio: 4-4. L’orgoglio jonico si diffonde e la rete di Chieco firma la rimonta: 5-4 per la Rari Nantes. La freccia del sorpasso però viene messa da parte a causa dell’espulsione di Liuzzi, superiorità Arechi e gol degli ospiti con Buonocore. Le sorti sono di nuovo in equilibrio, ma questa volta l’inferiorità temporanea è per la System e Chieco non vuole perdere tempo, scaraventando in rete il pallone del 6-5. La gara è pirotecnica, si lotta in ogni circostanza e a qualche istante dal termine della frazione, Salerno è ancora sugli scudi con Begovic che rimette tutto in gioco: 6-6.

3° TEMPO. Il terzo tempo segue la linea scoppiettante dei primi due. Superiorità di Taranto, ci prova Davide Oliva ma la sua conclusione è alta. Riparte Arechi in controfuga ed il solito Begovic porta avanti gli ospiti 6-7. In vasca poi accade di tutto: l’arbitro assegna un rigore all’Arechi e il tarantino Liuzzi viene espulso. Il portiere della Rari Nantes Paolo Vettone però è abile nell’intuire la traiettoria e neutralizzare il penalty. Ristabilita la parità numerica, Taranto si trova nuovamente sotto con l’espulsione di Santovito ed il gol del campano Siani. Questa volta è la formazione di Vidovic in superiorità, ma la Rari Nantes in poco tempo incassa tre gol di fila con Parrilli e la doppietta di Del Basso. In casa System poi viene espulso Baviera e Davide Oliva tiene accese le speranze tarantine siglando il 7-11 che chiude la terza ripresa.

4° TEMPO. Federico Patti accende la luce in apertura di ultimo tempo, il cannoniere jonico esulta ancora con il gol dell’ 8-11, ma poco dopo viene espulso. Taranto lotta nonostante le difficoltà e riesce a riportarsi a ridosso di Salerno con Carucci che segna il 9-11. Si alternano due superiorità per le due formazioni, ma le azioni susseguenti sono nulle. Salerno si riaffaccia dalle parti di Vettone, il portiere del Taranto è superlativo a neutralizzare una conclusione avversaria ma nulla può sull’ennesima incursione di Begovic che segna la sua sesta rete personale. Superiorità dell’Arechi e gli ospiti allungano con Spatuzzo sul 9-13. La Rari Nantes non riesce a gestire la tensione e sull’espulsione del capitano Valerio Oliva, Parrilli mette in rete il 9-14 che sarà poi il risultato finale.

VIDOVIC: “DIFESA DA MIGLIORARE”. L’analisi dell’allenatore della RNTA Dusan Vidovic: “Ci dispiace commentare un’altra sconfitta, soprattutto perché avevamo preso le misure della partita, ma nel finale abbiamo perso colpi. Abbiamo avuto la possibilità di riprenderci, anche se i gol incassati nel terzo tempo hanno condizionato tutta la partita. Il break di 1-5 è stato davvero pesante da recuperare. Abbiamo giocato male le nostre carte, rispetto alle precedenti uscite ho visto qualche errore di troppo in difesa, quattordici gol subiti sono tanti e non deve più accadere. Sicuramente in settimana lavoreremo proprio sulla retroguardia e su come migliorare, visto il passo falso di oggi.”.
“Ovviamente devo tener conto della forza dell’avversario, Salerno è una squadra che viaggia da anni in serie B e lo ha dimostrato. Loro hanno a disposizione un ottimo impianto per lavorare tutti i giorni, noi purtroppo no e la differenza si è vista. Chi si allena quotidianamente in una piscina di serie B è anche abituato a reggere meglio il ritmo partita, noi abbiamo a disposizione una vasca adeguata solo una volta a settimana. Comunque sia non voglio trovare alibi, accettiamo la sconfitta con sportività, come abbiamo sempre fatto.”
“Credo che i miei ragazzi abbiano fatto dei passi in avanti, perché abbiamo segnato nove gol contro una squadra davvero forte, quindi faccio i complimenti alla mia squadra. Ora si torna a lavorare, sabato prossimo a Siracusa sarà un’altra battaglia.”.

PATTI: “OCCORRE PIU’ CINISMO”. L’analisi dell’attaccante della RNTA Federico Patti: “Credo che il nostro evidente calo nel terzo tempo abbia condizionato la gara, peccato perché fino a quel momento abbiamo tenuto testa ad una squadra che è oggettivamente tra le più forti del torneo. Sappiamo su cosa dobbiamo lavorare, cercheremo di farlo in settimana e di impegnarci sui nostri movimenti che ancora non girano nel verso giusto. Stiamo migliorando mentalmente e come approccio alle partite, ma in questa categoria servono un po’ più di cinismo e concretezza.”
“In queste gare ho segnato tanto, ma scambierei volentieri una vittoria con un mio digiuno dalle reti. Cerco ogni gara di fornire il mio contributo alla squadra, sono a Taranto per segnare e per cercare con i miei compagni di conservare la categoria, ora prepariamoci alla prossima gara che sarà sicuramente ancora più impegnativa”.

 TABELLINI.

RN TARANTO-ARECHI SALERNO 9-14 (3-4, 6-6, 7-11, 9-14)

RN TARANTO 1996: Vettone, La Tartera (1), D’Addato, Matarrese, Carucci (2), Cantarella, Conte, LiuzziOliva D. (1), Chieco (2), Santovito, Patti (3), Oliva V.
Coach: Dusan Vidovic

4x4 SYSTEM  ARECHI SALERNO: Gallo, Del Basso (2), Storniello, Busà, Liguori, Begovic (6), Buonocore (1), Baviera, Siani (1), Spatuzzo (2), Parrilli (2), Busà.
Coach: Matteo Citro

Arbirto: De Girolamo

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv