Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

sabato 11 gennaio 2014

TARANTO FRA LE DESTINAZIONI DEI GAS DELLA SIRIA

Manca poco, un pugno di giorni. Poi il ministro degli Esteri, Emma Bonino, svelerà qual è il porto italiano deputato a ospitare le armi chimiche siriane. Lo afferma alla «Gazzetta» il senatore pugliese Nicola Latorre (Pd), presidente della Commissione Difesa, secondo cui: «Siamo tutti interessati a sapere qual è il porto e, mercoledì o giovedì, in Commissione congiunta Esteri e Difesa, audiremo il ministro Bonino che, penso, comunicherà qual è il porto». Altro il senatore non dice. Il riserbo è massimo. Fin troppo e da troppo tempo, aggiunge più di qualcuno. Perché è passato quasi un mese da quando la Bonino annunciò che un porto in territorio italiano avrebbe partecipato alle operazioni di neutralizzazione dell’arsenale di Bashar al-Assad, il presidente della Siria. Ma, da allora, ancora non si è fatta chiarezza sul luogo esatto. Tanto che ieri il senatore trentino della Lega Nord, Sergio Divina, in un’interrogazione ai ministri degli Esteri e della Difesa ha chiesto di conoscere «in quale località approderà la nave» che trasporta «armi o prodotti chimici di pericolosità letale». Divina nell’interrogazione domanda anche di conoscere il quantitativo di prodotti chimici contenuti nelle armi in questione, dove è previsto lo smaltimento, quali rischi comporti per ambienti e persone e quali siano i costi di trasporto e smaltimento e chi se li accollerà.
-->
Intanto, nei «palazzi» romani si sussurra che in ballo ci sarebbero soltanto porti del Mezzogiorno. Forse Taranto o Brindisi, in Puglia. Oppure Augusta, in Sicilia. O Gioia Tauro, in Calabria. Ciò che è certo è che già tra pochi giorni un porto italiano potrebbe trovarsi a ospitare tonnellate di armi chimiche. L’Onu (che coordina le sue attività con l’Opac-Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, che è l’ente che sovrintende a questa missione internazionale) afferma che la prima nave è partita da Latakia (in Siria), lo scorso 7 gennaio. Si tratta di un’imbarcazione danese che - scortata da navi provenienti da Cina, Danimarca, Norvegia e Russia - sarebbe ora ferma in acque internazionali per terminare le operazioni di carico.
FONTE: http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/homepage/taranto-o-brindisi-forse-destinazione-dei-gas-della-siria-no684071

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv