Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

lunedì 16 luglio 2012

NUOVI AZIONISTI PER IL TARANTO?

di FABIO DI TODARO
TARANTO - La task-force è partita almeno da una settimana, ma la frequenza e l’intensità dei contatti sviluppati nelle ultime ore lascia pensare che la prossima possa essere decisiva per stabilire le sorti del Taranto, pronto a ripartire dalla serie D dopo il naufragio della gestione D’Addario. Accantonate le candidature degli ex presidenti Blasi e Giove, l’unica pista percorribile rimane quella riconducibile alla cordata capeggiata da Emanuele Papalia, al cui interno dovrebbe trovare spazio anche la Fondazione Taras. Visto il suo attivismo, bisognerebbe augurarsi che anche la trattativa per la costituenda società possa procedere a velocità sostenuta. 

Sul tavolo ci sono già i nomi dei possibili investitori principali, considerato che una base di 15 azionisti sarebbe già stata allestita nella riunione di venerdì sera. Papalia punta a coinvolgere l’ex presidente della Prisma Volley Tonio Bongiovanni e l’omonimo Flora, imprenditore sanitario barese con trascorsi nel calcio (ex numero uno di Acquaviva, Barletta e Fortis Trani). Toccherebbe a loro due acquistare la maggioranza delle quote societarie. «Con Papalia ne stiamo parlando, Taranto è una piazza in cui si può avviare un progetto solido e ambizioso» ha confermato le indiscrezioni Flora, avvicinato alla causa rossoblù da Giacomo Pettinicchio: alle sue dipendenze due stagioni addietro nel capoluogo della Bat. Anche dall’entourage di Bongiovanni, irrintracciabile fino al tardo pomeriggio, sono giunte parziali conferme. L’interesse a partecipare al tentativo di salvataggio collegiale del Taranto esiste, ma rimane da valutare l’entità del contributo da mettere a disposizione. «Ne riparleremo presto». 

I tempi sono ristretti. Il 9 agosto è il termine ultimo per presentare la domanda d’iscrizione al campionato di serie D ed entro quella data occorre raccogliere almeno 500mila euro: tra fideiussione e tasse d’iscrizione ne andranno via 350mila, il resto serviranno per dare il via alla stagione sportiva. Molto più alta è invece la stima per l’intero campionato: almeno 1,5 milioni di euro. C'è poi da lavorare sul fronte tecnico. I nomi caldi per la panchina sono quelli di Dellisanti e Pettinicchio, le cui quotazioni sono risalite dopo la mediazione condotta tra Papalia e Flora. Anche diversi calciatori dell’ultimo gruppo attendono notizie: il mercato langue e per chi ha giocato poco la maglia rossoblù potrebbe rappresentare una possibilità di sicura occupazione

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv