Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

giovedì 30 giugno 2016

NERUDA AWARD 2016. SI CHIUDE ALL'INSEGNA DELLA QUALITA' E DELL'ECCELLENZA



11 premiati di altissimo livello sono stati premiati dall'associazione culturale Pablo Neruda e dal Comune di Crispiano presso la masseria FRANCESCA dove si è svolto l'evento sabato 25 giugno. Artisti della danza e del canto hanno arricchito con le loro performance la bella serata alla prima edizione del NERUDA AWARD 2016.


CLICCA SULLA FOTO SOTTO ED ACCEDI ALLE FOTO IN ESCLUSIVA SULLA NOSTRA PAGINA UFFICIALE FACEBOOK

IL VIDEO

lunedì 27 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" LUNEDI' 27 GIUGNO 2016



domenica 26 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" DOMENICA 26 GIUGNO 2016



sabato 25 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" OGNI GIORNO SU TARAStv



"PASSIONE A 4 ZAMPE" LA 3° MOSTRA CANINA A MOTTOLA


Passione a 4 Zampe con Tarantobynight.
3^Mostra canina amatoriale a Mottola, presso "Piazza G. Scoletta, caserma Carabinieri" con Toelettatura specializzata, "Belli fra le Bolle", in collaborazione, e con l'animazione, riprese tv, foto etc...a cura dell'Agenzia VitoHouseE20, tutto per questa bellissima manifestazione... Tutte le categorie saranno premiate, purché dotati di microchip identificativo. Info e iscrizioni : 099.9461022. Vito

venerdì 24 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" VENERDI 24 GIUGNO 2016



mercoledì 22 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" MERCOLEDI' 22 GIUGNO 2016



lunedì 20 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" LUNEDI' 20 GIUGNO 2016



domenica 19 giugno 2016

EGIDIO MAGGIO LIVE. APPUNTAMENTO AL MON REVE



EGIDIO MAGGIO & MOVE'N GO BAND Venerdì 24 Giugno - ore 21.30 "MON REVE Resort" - Litoranea Salentina - TARANTO

 Il chitarrista EGIDIO MAGGIO, reduce dalla brillante pubblicazione del suo primo album da solista "Me", sarà accompagnato dai musicisti Felix Di Turi alla batteria, Beppe Sequestro al basso, Mirko Maria Matera alle tastiere, Francesco Lomangino al sax. Il tecnico del suono sarà invece Giuseppe Mariani. Il concerto sarà ripreso interamente per una prossima pubblicazione e sarà trasmesso in diretta streaming. L'ingresso è possibile esclusivamente su invito. INFO: 099 731 2185 www.monreve.it - info@monreve.it; www.facebook.com/mon.reve11/.

giovedì 16 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" GIOVEDI' 16 GIUGNO 2016



martedì 14 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" MARTEDI' 14 GIUGNO



lunedì 13 giugno 2016

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" LUNEDI' 13 GIUGNO 2016



domenica 12 giugno 2016

NERUDA AWARD. TUTTO PRONTO A CRISPIANO PER LA PRIMA EDIZIONE


Una delle prossime sere di giugno, precisamente sabato 25, alle 20.30, presso la Masseria FRANCESCA di CRISPIANO si terrà la prima edizione del NERUDA AWARD 2016,
Un premio promosso dall’Associazione Culturale “Pablo NERUDA” e dal Comune di Crispiano. E’ un riconoscimento, una festa con artisti della danza, musica e canto, e con la danzatrice Roberta Di Laura quale testimonial dell’evento. Ad organizzare la parte artistica della serata Massimiliano Raso, Art Director e fondatore di Neruda Associazione. Padrone di casa il Sindaco del territorio delle 100 Masserie, Egidio Ippolito, che ha subito accolto il progetto ideato da Saverio Sinopoli, presidente dell’Associazione. Il Premio verrà assegnato ai PROTAGONISTI del nostro territorio, agli intraprenditori, a coloro che hanno dedicato una vita a inseguire e realizzare un sogno. Una griglia di personalità ed organismi dei vari settori della nostra società, dalle aziende alla musica, dai beni culturali al volontariato, dall’agricoltura alla ricerca e conservazione della natura. Cambiano i settori ma i parametri ed il metodo è sempre lo stesso. Raccontare in un clima di festa la storia di uomini, donne, strutture che hanno scritto e scrivono una pagina memorabile. Contro tutti e tutto, alcune volte contro se stessi, hanno realizzato un’impresa! Hanno reso concreta qualcosa che spesso trascuriamo, dimentichiamo oppure osserviamo con occhi fugaci. Eppure i Protagonisti hanno contribuito a cambiare, migliorare la nostra vita realizzando lavoro, musica, assistenza, servizi, relazioni umane.
MASSIMILIANO RASO

"PIGGHIAMENE U CAFEJE" DOMENICA 12 GIUGNO 2016



sabato 11 giugno 2016

"NERUDA AWARD 2016" CONFERENZA STAMPA IN CLIMA CORDIALE E SERENO. FOTO E VIDEO

Clima sereno e cordiale alla Conferenza stampa per il Neruda Award 2016. Oltre alla stampa, alla giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, c'erano gli assessori e il Sindaco di Crispiano Egidio Ippolito, Saverio Sinopoli, presidente dell'Associazione culturale Pablo Neruda, Roberta Di Laura, Testimonial, Imma Brigante, fotografa, Ariel Signorelli, partnership.

venerdì 10 giugno 2016

"COLONIZZAZIONE SPAGNOLA" SE NE PARLA A PRESENZA LUCANA

Dopo l’appuntamento legato alla cartella “Astronomia”, torna, a distanza di mesi, il nuovo studio condotto da Diego Guarniera (già dott. Analista presso l’Ospedale SS. Annunziata di Taranto), appassionato di storia e cartografia, dal titolo “La colonizzazione spagnola”. E’ questo il terzo momento della ricerca che partendo da “Cristoforo Colombo e la scoperta dell’America” ha analizzato le altre “esplorazioni condotte dai portoghesi” con, Enrico il Navigatore e Vasco De Gama, giungendo, ora, a una delle fasi più drammatiche, messa in atto dagli spagnoli, Hernan Cortès e Francisco Pizarro, compiuta con la colonizzazione dell’America.
Milioni furono i morti e le distruzioni di popoli e scomparse d’intere etnie, che, da questo momento si sono avute, in tutto il mondo, anche per mano di olandesi e inglesi. L’incontro della serata inizia con la lettura, da parte di Imma Naio, del “Requerimiento”, colonizzazione e cristianizzazione forzata che portò gli indios non solo alla morte fisica, ma anche a quella morale.
Le deportazioni di massa ebbero degli effetti devastanti sui popoli nativi. I conquistadores, con l’ausilio di preti, riuscivano a convincere gli indigeni che gli spostamenti da loro proposti erano una giusta realtà per condurli in una Terra Promessa.
“I preti, senza il minimo scrupolo di coscienza, impregnavano di false credenze, d’ideali di libertà e felicità popoli che non conoscevano la realtà della natura umana, e di cosa fosse capace un uomo pur raggiungere il proprio obiettivo di ricchezza e potere”.
E’ forse questo capitolo legato alla colonizzazione dei popoli uno dei momenti più tristi della storia mondiale per com’è stato realizzato. Bene ha fatto l’autore Guarniera a studiare per raccontare una realtà da molti ancora sconosciuta.
Leggere il requierimiento, traduzione italiana “Ingiunzione”, è stato uno dei motivi che più mi hanno sconvolto.
“Gli spagnoli non fecero altro che depredare, non si fusero con gli indigeni ma si mantennero separati con superbia e ingordigia. Usarono sistemi coercitivi che non consentirono lo sviluppo dell’industria e del commercio” (D. Guarniera).
Per riuscire nei loro progetti, i conquistatori europei distrussero le grandi civiltà indigene, gli Aztechi (XIV sec.-1525), gli Inca (XIII sec-1533), i Maya (IX sec.-1697) e annientarono le popolazioni locali, i cui superstiti furono costretti a lavorare come schiavi nelle terre e nelle miniere.
Con le esplorazioni e la colonizzazione iniziò, già dal ‘500, quel fenomeno che sarà chiamato “globalizzazione”, caratterizzato dallo sviluppo dei mercati, dei traffici, degli scambi, dei movimenti demografici che interesseranno tutto il mondo. Furono importati in Europa nuovi prodotti alimentari che, sono stati, con quelli già esistenti, la base di una nuova alimentazione.
La presentazione dell’argomento, l’ultima del primo semestre del 26° anno di attività dell’Associazione, si svolgerà presso la sede di Presenza Lucana, in Via Veneto 106/A, Venerdì 10 Giugno, alle ore 18.00. Lettrice di alcuni passi dello studio sarà Imma Naio.
L’ingresso è libero per i cittadini
Michele Santoro

LA LILT DI TARANTO ALLA BRINDISI - CORFU' CON X-LION

Scriverlo nel vento e soffiarlo ai quattro punti cardinali. È quanto intende fare la Lilt di Taranto con l’importante messaggio della prevenzione, che dall’8 al 10 giugno viaggerà lungo le 109 miglia della 31a edizione della Brindisi-Corfù. Il vessillo della Sezione Provinciale della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, infatti, garrirà accanto alle vele di X-Lion, l’imbarcazione dell’armatore tarantino Leone Pellè, impegnata nella nota regata internazionale, fra le più importanti del Mediterraneo, la maggiore d’altura dell’Adriatico, sia per numero di partecipanti sia per difficoltà tecniche. Un’edizione che già si preannuncia straordinaria, dal momento che, con 132 iscrizioni, quest’anno è stato eguagliato il record di partecipanti a questa classica, valevole anche per il Campionato Italiano Offshore. La competizione si fa dura, dunque, per X-Lion, imbarcazione di 10,61 metri del tipo X-35, che nella storia della regata ha conseguito il suo miglior piazzamento nel 2011, con il secondo posto secondo posto assoluto e lo stesso piazzamento nella categoria ORC B. Del tutto lusinghiero è da considerarsi anche il 15° posto assoluto del 2015, così come è incoraggiante la seconda piazza ottenuta lo scorso aprile al prestigioso trofeo Megale Hellas, in Basilicata. 
L’equipaggio di Pellè, che riproporrà le insegne della Lilt di Taranto anche sull’abbigliamento tecnico, è pronto a salpare alla volta di Corfù con motivazioni ulteriori, oltre a quelle agonistiche. È convinzione di tutti i protagonisti, infatti, che confidare nel fascino di uno sport come la vela, tra natura, aria aperta e senso di infinito, sia il modo migliore per testimoniare che la prevenzione è vita

PEACELINK. LETTERA ALLA COMMISSIONE EUROPEA E AD AMNESTY INTERNATIONAL

Dopo la pubblicazione del decimo decreto Salva Ilva, PeaceLink ha scritto alla Commissione Europea una dettagliata analisi del testo che presenta aspetti giuridici anomali e di una gravità eccezionale.

QUESTO IL TESTO DELLA LETTERA:

Bruxelles, 10 giugno 2016

 Margrethe Vestager, Commissario Europeo per la Concorrenza Copia: Kermenu Vella, Commissario Europeo per l’Ambiente.

gio Commissario,


sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana in data 09 giugno 2016, è stato pubblicato il Decreto legge n.98 riguardante le “Disposizioni urgenti per il completamento della procedura di cessione dei complessi aziendali del Gruppo ILVA”.


L’intervento ha previsto una serie di modifiche all’impianto normativo adottato per la cessione dell’ILVA e dei suoi assets.


Come già effettuato nel corso degli ultimi anni, intendiamo nuovamente portare alla Sua attenzione una serie di misure che sembrano particolarmente significative ai fini dell’investigazione approfondita sui presunti aiuti di Stato e ai fini della procedura di infrazione per violazione della direttiva sulle emissioni industriali, questioni strettamente correlate per via dell’effettivo uso delle risorse statali.

Desideriamo porre l’attenzione in particolare sulle più significative misure previste dal decreto legge in questione.

In particolare, l’art.1, comma 1, lettera a) prevede che la restituzione del prestito di 300mln di euro, per il quale è stata già estesa l’indagine della Commissione, non sia più a carico dell’acquirente, ma della stessa ILVA.

L’art. 1, comma 1, lettera b, disciplina il sub-procedimento che si dovrebbe aprire dopo la presentazione delle offerte. Infatti, durante questa fase l’offerente presenta il Piano Ambientale, con le modifiche a quello già approvato, al comitato di esperti che entro 120 giorni deve formulare le proprie osservazioni e le proposte di modifica.

Il timore è che questa misura si configuri come una vera e propria contrattazione tra l’offerente ed il comitato di nomina ministeriale.

Tale disposizione determina un inevitabile allungamento dei tempi di definizione della gara, rispetto al quale non possiamo non esprimere preoccupazione. L’azienda, infatti, si trova già in grave deficit finanziario, con rischio di ulteriore ricorso a prestiti garantiti dallo Stato.

Il perito indipendente dovrà poi verificare la congruità del corrispettivo offerto, anche tenendo conto degli impegni ambientali assunti dall’acquirente: tale misura, a parere di Peacelink, potrebbe determinare un ulteriore sconto sul prezzo a vantaggio dell’acquirente.

Il decreto ha anche previsto che il rimborso della prima tranche del prestito statale di 800 mln di euro previsti per le opere ambientali debba avvenire non più nell’anno di erogazione, ma nel 2018, e comunque dopo che siano stati pagati i creditori di grado superiore. (art. 2, comma 1).

Riteniamo che questa misura possa integrare un ulteriore aiuto, nella misura in cui il recupero del prestito statale venga postergato, in spregio delle regole della procedura fallimentare.

Infine, desideriamo evidenziare che tale decreto ha esteso l’immunità penale, già prevista per i Commissari straordinari ILVA, per le condotte poste in essere in attuazione del Piano Ambientale, anche agli acquirenti ed affittuari dell’azienda (art. 1, comma 4, lettera b).
Forniremo sviluppi, a seguito della conversione in legge del decreto.

Distinti saluti,

Antonia Battaglia, Alessandro Marescotti, Luciano Manna




Antonia Battaglia, Rappresentante EU di Peacelink
Alessandro Marescotti, Presidente di Peacelink
Luciano Manna, PeaceLink curatore dossier ILVA     

Peacelink Bruxelles: a.battaglia@peacelink.it

"BELLEZZE DI TARANTO" L' AMMAINA BANDIERA



Immagini di Antonio Attolino

"VERDE ORO" GIOIELLI E IDEE



VERDEORO è un negozio studiato per aiutare a scegliere l’oggetto più comunicativo del proprio modo di essere, quello che più piace e non solo quello più durevole o con il prezzo più conveniente. l gioielli parlano, esprimono ciò che vogliamo far conoscere di noi stessi, rappresentano il nostro stile di vita, la nostra individualità. Gran parte dei nostri gioielli sono presentati in modo chiaro e trasparente, con i prezzi visibili, già scontati per un rapporto chiaro con la nostra clientela. Nel nostro assortimento compaiono le firme più prestigiose e all’avanguardia per darvi ampia possibilità di scelta. VERDE ORO è Gioielli e IDEE VERDE ORO e' a Taranto in Via De Cesare, 39

"PIGGHIAMENE U CAFEJE " VENERDI' 10 GIUGNO



giovedì 9 giugno 2016

PIGGHIAMENE U CAFEJE 9 GIUGNO



mercoledì 8 giugno 2016

"PIGGHIAMENE 'U CAFEJE" MERCOLEDI' 8 GIUGNO 2016

L' appuntamento giornaliero di TARAStv con Pino Pittaccio e La Loris

martedì 7 giugno 2016

"PIGGHIAMENE 'U CAFEJE" MARTEDI' 7 GIUGNO



lunedì 6 giugno 2016

"PIGGHIAMENE 'U CAFEJE" LUNEDI' 6 GIUGNO 2016

L' appuntamento giornaliero di TARAStv con Pino Pittaccio e La Loris.

giovedì 2 giugno 2016

NERUDA AWARD 2016. LA PAROLA AI PROTAGONISTI



E' un premio, un riconoscimento, una festa con una ballerina famosa Roberta Di Laura come testimonial, con musica, ballo e canto per i PROTAGONISTI. Chi sono? Sono gli intraprenditori, coloro che hanno dedicato una vita per inseguire un sogno! In qualsiasi settore la regola è la stessa. Raccontare la storia di uomini, donne, gruppi che hanno scritto una pagina memorabile! Contro tutto e contro tutti, spesso contro se stessi, hanno realizzato una impresa. Una impresa che spesso dmentichiamo o guardiamo con occhi fugaci ma pensiamoci bene : Hanno cambiato la nostra vita per la loro bellezza nel realizzare lavoro, musica, relazioni, scienza, informazione, volontariato, servizi, produzione, natura. A loro il nostro grazie, da Neruda e dal Comune di Crispiano! Un Premio ai PROTAGONISTI 2016

CAFFE' D'ANNUNZIO. GLI ANEMA E CORDE INAUGURANO L'ESTATE



La musica partenopea protagonista del primo live della rassegna “Apericity” del Caffè D’Annunzio. Sabato 4 giugno, infatti, il duo “Anema e Corde” suonerà dal vivo nello splendido locale martinese un vasto repertorio di canzoni di Napoli e selezionerà la migliore musica per il primo grande aperitivo dell’estate 2016.

 Start ore 19:00 Caffè D’Annunzio: Via D’Annunzio, 27 Martina Franca (TA) 080 849 6396 / 3899471198

GIOIELLI TOUS. TENEREZZA DAL 1920 E LUSSO ACCESSIBILE



Gioielli Tous offrono la dimensione di un lusso accessibile che infrange le regole dell’alta gioielleria e fornisce nuovi stimoli visivi e di gusto Gioiellieri dal 1920,
 Tous fin dall’inizio ha scommesso sulla differenziazione, sull’innovazione, rompendo le barriere dell’alta gioielleria tradizionale offrendo un lusso accessibile per tutti.
 Questo percorso ha permesso di infondere tutta la creatività dell’azienda anche in borse, fragranze, orologi, occhiali e accessori. L’Orsetto: l’icona di un marchio. Dalla creatività della fondatrice Rosa Oriol nasce il famoso orsetto di Tous. Il marchio che fa rivivere i nostri ricordi, ci trasporta in un mondo di emozioni e valori:tenero , divertente e dallo spirito fanciullesco.
 Da Verde Oro sono ora disponibili le nuove collezioni di gioielli in argento e, in arrivo, anche la pelletteria, elegante, colorata, tutte da scoprire!
La Gioielleria VERDE ORO e' a Taranto in Via De Cesare, 39
                                                                    TEL. 0994529178

FRONTIERE. TORNA IL BINOMIO TARAStv E LABORATORIO TEATRALE LIZZANO



Dopo il grande successo dello scorso anno con il musical "Il Risorto",ritorna il binomio TARAStv e LABORATORIO TEATRALE LIZZANO.
 Proponiamo ancora un musical,dal titolo"Frontiere" e verra' messo in scena sabato 18 giugno,alle ore 21.30 a Lizzano,presso la sala S.Francesco del convento S.Pasquale. Il tema trattato e' di strettissima attualità.parla di immigrazione a 360 gradi,non solo quel che sappiamo stia accadendo sulle nostre coste,ma di tutti i movimenti migratori del pianeta,cercando di capire il perchè si abbanddoni la propria terra in cerca di una vita quantomeno piu' dignitosa.
 Il Lab teatrale Lizzano affronta questo argomento con canzoni,monologhi,recitazioni,balletti e immagini dedicate,con un unica frase giuda"UNA SOLA UMANITA'" in uno spettacolo che vuol essere fluido,riflessivo,a tratti commovente,ma sempre con l'intento di aprire le coscenze e abbattere i muri,sia fisici che mentali.
 RICORDATE L'APPUNTAMENTO,SABATO 18 GIUGNO,ORE 21.30,A LIZZANO PRESSO LA SALA S.FRANCESCO DEL CONVENTO S.PASQUALE. 
 MEDIA PARTNER: TARAStv
MAIN SPONSOR:  DESPAR   VIA ARIOSTO, 20 74020 LIZZANO (TA)

L'ORIENTE DI SHAMY'. UN SOGNO DANZANTE CHE SI REALIZZA

Recita un detto Sufi: Le strade di Dio sono tante quanti i respiri dell'uomo”. Non capita tutti i giorni di assistere ad uno spettacolo di danza Sufi; ero lì, seduto in prima fila sabato 28 maggio al Teatro Politeama Vinelli di Talsano. Ancora non sapevo, però, che quella poltrona di fronte al palcoscenico mi avrebbe dato la possibilità di vivere più intensamente, più da vicino, uno spettacolo di danza orientale dai contorni decisamente accattivanti. C’erano tutti gli ingredienti tipicamente orientaleggianti: ballerine dai fisici sensuali, atmosfera alquanto esotica e un ballerino di danza egiziano dal nome islamico che incuterebbe timore (si fa per dire) se non parlasse in lingua spagnola: Mohamed El Sayed. Maestro e percussionista di fama mondiale ha stregato il pubblico con la sua musica, la sua danza, la sua simpatia, in un coinvolgimento tecnico e musicale di grande impatto scenico. Sorriso sempre stampato sul volto, è riuscito ad impreziosire lo spettacolo con la sua danza trascendentale, vorticosa, la danza sufi. Il sufismo è una corrente filosofica che ritiene possibile il contatto diretto con Dio attraverso la pratica dell'estasi e della meditazione. E poi c’era lei, Shamy’ Kater, o Giulia Seclì se preferite, bella da far impazzire, sicura sul palco nelle sue movenze di ballerina eroticamente orientale, tecnica aggraziata, sguardo che ti penetra nel profondo. Ha avuto l’ardire di chiamare lo spettacolo di danza orientale, da lei organizzato, “Khamsa“. Questa parola in arabo significa il numero cinque della mano, più profondamente è un racconto che rimanda alla mano di Fatima, alla storia delle religioni e dei popoli, alla impagabile voglia di libertà di una donna, del mondo femminile su tutto e tutti. Il corpo di ballo di Shamy’, le Arabien, hanno dato prova di insaziabile volontà coreutica, un po’ emozionate, molto brave nelle continue entrate in scene.
Il momento artistico-musicale raggiunge l’apice con la toccante performance del violinista Francesco Greco  che ha fatto letteralmente impazzire il pubblico grazie al suo talento. Cercando Dio, ho trovato me stesso, diceva Rumi, il fondatore dei Dervirsci danzanti: “Osserva le meraviglie così come accadono intorno a te. Non pretenderle. Percepiscine l‘arte e muoviti attraverso di esse, rimani in silenzio”. Alla fine dello spettacolo, in effetti, appagati e felici, la gente è rimasta incantata, raccolta, commossa. Tutto bene. C’è da auspicare una replica del Khamsa, perché fa bene all’animo, al fisico, al cuore.

Massimiliano Raso

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv