Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

sabato 31 maggio 2014

ARCIGAY TARANTO E COMUNE. AI FERRI CORTI?

L'Atteggiamento del Comune di Taranto nei confronti delle richieste di Arcigay


Dal gennaio 2014, Arcigay, grazie al supporto dell’Associazione Culturale Hermes Academy Onlus, opera anche a Taranto. Il Centro di Ascolto LGBTQI, attivato da Hermes Academy due anni fa (helpline +39 388 874 6670), offre gratuita consulenza legale, psicologica e arte-terapeutica ad omosessuali e alle loro famiglie e organizza quotidianamente incontri socio-culturali. Il sindaco del Comune di Taranto ha concesso di buon grado, lo scorso anno, il Patrocinio Morale alle attività del Centro di Ascolto. Lo scorso marzo l'Associazione Culturale Hermes Academy Onlus è divenuta Arcigay Taranto.

Per sabato 28 giugno, tutti i comitati territoriali Arcigay di Puglia stanno organizzando il Gay Pride presso la Città di Lecce, ultima tappa di una serie di iniziative, nell’ambito del Puglia Pride, che si terranno anche a Foggia, Barletta, Bari e Taranto.

La tappa tarantina è prevista per venerdì 27 giugno, promossa da Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto, TGenus, Il Salotto delle Muse, Strambopoli – La Città degli Artisti, Il Circo della Magna Grecia, Centro di Ascolto LGBTQI di Taranto e Provincia, con il Patrocinio dell’Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Taranto‏, e si svilupperà come segue:
Ore 10.00 vernissage collettiva di arti visive‏ a cura di Strambopoli – La Città degli Artisti
ore 10.30 convegno‏, a cura di Hermes Academy Onlus, Arcigay Taranto, TGenus, Centro di Ascolto LGBTQI, nell’ambito del quale si svilupperanno alcuni dei punti presenti nel documento politico del Puglia Pride‏; si discuterà, inoltre, di diritto nazionale e internazionale in merito alle condizioni della comunità LGBTQI e si farà un breve excursus sulle interpretazioni artistiche inerenti il tema della diversità.
-->
Ore 15.30 workshop di scrittura creativa e drammatizzazione sull’identità di genere‏ a cura di Hermes Academy Onlus e Il Circo della Magna Grecia
ore 18.00 reading e presentazioni di libri‏ a cura de Il Salotto delle Muse
ore 20.00 concerto‏
ore 22.00 flash mob in piazza Maria Immacolata.

Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto, un mese fa, ha fatto formale richiesta al Comune di Taranto di:
  • patrocinio morale e collaborazione del Comune nell’organizzazione dell’iniziativa e autorizzazione ad inserire il logo all’interno del materiale illustrativo;
  • utilizzo gratuito, dalle ore 9.30 alle ore 22.00, degli spazi della Galleria Comunale o del Salone degli Specchi c/o Palazzo di Città o di Palazzo Galeota o di Palazzo Pantaleo, come spazio espositivo per la collettiva di arti visive e come location per gli incontri previsti in rassegna, il cui svolgimento necessita di un proiettore e di un impianto audio;
  • autorizzazione ad organizzare il concerto e il flash mob finale in Piazza Maria Immacolata, con possibilità di montare un palco e una strumentazione audio.

L’iniziativa, fortemente voluta dal direttivo nazionale Arcigay, gode del patrocinio dell’Ufficio della Consigliera di Parità della Provincia di Taranto Barbara Gambillara.

Il Comune, dopo sollecito da parte del Presidente Luigi Pignatelli, solo in data 29 maggio ha inoltrato una risposta.

"In riferimento alla richiesta avanzata dalla S.V., si rappresenta che il signor Sindaco concede di buon grado il patrocinio morale del Comune di Taranto e l’utilizzo del Salone degli Specchi (le altre sedi indicate sono occupate e per di più mancanti delle attrezzature richieste) per la tappa tarantina del Puglia Pride, che si svolgerà il prossimo 27 giugno.
In virtù dell’importanza sociale dell’evento, l’utilizzo della Sala viene concesso con il solo versamento di € 150,00 (a fronte degli € 529,00 previsti dal regolamento) da effettuarsi sul c.c. n. 12354742 intestato a Comune di Taranto Servizio di tesoreria – Banca popolare di Puglia e Basilicata, indicando nella causale “Uso Sala Specchi – Manifestazioni varie”. 
Cordialmente.
Il Capo di Gabinetto
(Dott. Giuseppe Licciardello)"

-->
"Io sono un attore e scrittore e da quindici anni regalo la mia professionalità all'amministrazione locale, che da sempre contatta me e la mia compagnia di artisti ogni qual volta si trova in difficoltà organizzative. Abbiamo sempre risposto positivamente alle richieste di aiuto, malgrado non fossero previsti rimborsi spese, anche se, di contro, quando ci sono i fondi, i funzionari e gli assessori di turno convocano sempre i propri raccomandati. Ma non è su un'eventuale gratitudine che voglio focalizzarmi. L'utilizzo delle sedi nominate è gratuito per le Associazioni. La nostra Onlus, così come tante altre, organizza eventi culturali in quelle sedi sin dalla propria fondazione e mai ha dovuto affrontare spese di fitto per l'utilizzo degli spazi su menzionati. Sorge un'interrogativo: il Comune di Taranto ha il diritto di considerare la Comunità LGBTQI una fonte di guadagno? Io ho l'impressione che il sindaco abbia le idee un po' confuse. Forse ha avuto l'impressione che fossimo ragazzini alla ricerca di una sala in cui fare un rave. Mea culpa: avrò formulato male la richiesta. O forse no: da ciò che ho scritto si evince chiaramente la condizione in cui siamo costretti a vivere e si delineano le rivendicazioni che rivolgiamo alla nazione.
Ma il dott. Ippazio Stefano è avvezzo a queste riletture edulcorate di una realtà che, invece, gli viene presentata con tutte le sue contraddizioni.
Mesi addietro, Hermes Academy Onlus – Arcigay Taranto aveva formulato al Comune la richiesta di collaborazione all'organizzazione delle Settimana contro l'Omofobia, con le medesime richieste. Il sindaco, in quell'occasione, concesse solo il Patrocinio Morale. La kermesse si è svolta, con grande successo di pubblico, a Taranto dall'11 al 17 maggio, senza alcun tipo di sostentamento da parte dell'ente. Ma non è tutto.All'interno di quella stessa richiesta, Arcigay Taranto informò il Comune dell’esistenza della rete RE.A.DY., Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. In questi ultimi anni, diverse amministrazioni locali e regionali hanno avviato politiche per favorire l’inclusione sociale delle persone omosessuali e transessuali, sviluppando buone prassi e promuovendo atti e provvedimenti amministrativi che tutelano dalle discriminazioni. In Italia, infatti, lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender (lgbt) non godono ancora di un pieno e reale diritto di cittadinanza e spesso vivono situazioni di discriminazione nei diversi ambiti della vita familiare, sociale e lavorativa a causa del perdurare di una cultura condizionata dai pregiudizi. Risulta pertanto importante l’azione delle Pubbliche Amministrazioni per promuovere, sul piano locale, politiche che sappiano rispondere ai bisogni delle persone lgbt, contribuendo a migliorarne la qualità della vita e creando un clima sociale di rispetto e di confronto libero da pregiudizi.
Da tre mesi Arcigay Taranto chiede al Sindaco un incontro per interloquire in merito alla possibilità che anche il nostro comune, emulando la vicina Bari, possa aderire alle rete, così come da due anni l'Hermes Academy Onlus chiede l'apertura del registro delle coppie di fatto. Ma a queste richieste, il sindaco fa orecchie da mercante."



Luigi Pignatelli,
Presidente Associazione Culturale Hermes Academy Onlus - Arcigay Taranto

-->

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv