Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

mercoledì 27 novembre 2013

ANTONIO PROTA (CONFINDUSTRIA) "INVITIAMO LA REDAZIONE DI REPORT A TRASCORRERE UN FINE SETTIMANA NELLA PROVINCIA DI TARANTO"

"L’economia mondiale sta lentamente uscendo dalla crisi finanziaria globale, ma il recupero non è uguale per tutti. Gli stati che hanno elaborato nuovi modelli guardano al futuro garantendo crescita e progresso, altri adottano misure di emergenza con una visione a breve termine che crea incertezza e scoraggia gli investimenti. Non esiste un modello unico ma ogni paese dovrà elaborare una strategia basata sulle proprie vocazioni territoriali e caratteristiche nazionali. Cambiare il nostro modello è l’unica strada possibile. Taranto, che vive il dramma del prigioniero tra salute e lavoro, deve rispondere con politiche di crescita culturale ed economica ispirate da un approccio green. In particolare, in alcune aree della nostra provincia è partito un confronto costruttivo fra imprenditori, pubbliche amministrazioni, centri di ricerca e cittadini per gestire un percorso di trasformazione possibile grazie alle vocazioni territoriali e al turismo. Resto amareggiato nel vedere l’ironia con cui la trasmissione Report ha trattato il mare di Pulsano, la gravina di Laterza e le masserie di Crispiano, vanificando lo sforzo di chi da tempo lavora duramente per ricostruire un immagine e un prodotto di grande valore naturalistico ed economico. Pertanto invito pubblicamente la redazione di Report a trascorrere un fine settimana nella nostra provincia per poter assaporare i sapori e vivere le emozioni che ogni giorno prova chi vive e lavora a Taranto e poter poi dire con orgoglio: “Questa è Taranto”".
Lo dichiara in una nota Antonio Prota- Presidente Sezione Industria del Turismo Confindustria Taranto.

-->
"Certamente non possiamo fare gli struzzi e mettere la testa sotto la sabbia per non vedere che Taranto, come tutte le città d'Italia e del mondo, ha delle zone che sono state fortemente inquinate dal progresso. E’ ovvio che nell’area che insiste nel raggio di 20 km intorno al centro siderurgico non si possa parlare di turismo perché fortemente contaminata. Tuttavia non possiamo fare "di tutta l'erba un fascio", poiché Taranto e la sua provincia, come evidenziato dalla campagna pubblicitaria della regione Puglia andata in onda anche nelle reti nazionali (nel caso di Report con un’ironia fuori luogo), si mostrano come terre fertili e accoglienti e certo non mancano i motivi per apprezzarle. Una delle caratteristiche indiscutibili è la limpidezza caraibica del nostro mar Ionio, affiancata da una tradizione gastronomica del mare oggi controllata e garantita più di ieri (proprio a causa della campagna antinquinamento); non esistono, infatti, mari e prodotti più controllati in Italia: la nostra stessa acqua potabile, che per fortuna arriva ai rubinetti di tutte le case, è assolutamente garantita dai test della ASL, e addirittura in alcuni casi indicata dai medici per curare disturbi alle vie urinarie! Il mare è la storia di Taranto. Le coste che bagnano il mar Ionio sono così varie da poter soddisfare le esigenze sia di coloro i quali desiderano sabbia finissima e bianca sia di chi predilige soddisfarsi degli effetti benefici del sole e del mare distendendosi su scogliere interminabili. La varietà del litorale è evidente: da Capo San Vito, passando da lido Gandoli e lido silvana per arrivare a Campomarino, risalendo a Castellaneta Marina e Ginosa Marina dove i fiumi che scendono a mare portano sabbie bianche e finissime all'ombra di pinete incontaminate. Il mar piccolo e il mar grande abbracciano la città di Taranto regalando agli occhi di tutti noi e dei nostri ospiti turisti l'immagine di tramonti unici ed irripetibili. In tutto questo, anche la fauna protetta ha il suo spazio: i fenicotteri rosa che planano sugli stagni,dietro dune altissime create dal forte vento di scirocco e che si snodano di fronte all'immenso mare dal colore che assume diverse tonalità blu, a tratti verde e celeste cristallo... Taranto è anche questa!"
Lo dichiara in una nota Irene Lamanna - Componente Sezione Industria del Turismo Confindustria Taranto.

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv