Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

mercoledì 30 ottobre 2013

CI SORBIAMO L'INQUINAMENTO ENI? SUBITO PREZZI NO TAX CARBURANTI PER TARANTO E PROVINCIA

L’economia dell’intera provincia di Taranto deve ripartire anche da qui. L’economia di Taranto e provincia deve ripartire dalle persone, afflitte dall’illusione politica che una forte industrializzazione di tipo pesante avesse potuto risolvere ogni problema economico e sociale. La politica ci ha ridotti così perché non ha mai guardato al lungo termine. Ha sempre pensato di risolvere problemi contingenti da cui attingere poi voti.
E’ anche vero che negli anni passati mancava una vera e propria sensibilità ambientale per cui certe scelte politiche erano più facile e spesso anche obbligate per il dilagare della fame e della povertà specialmente al Sud. Allo stesso tempo una politica responsabile doveva puntare ad una pianificazione chiara e consapevole nel tempo, attraverso l’applicazione di severi strumenti di monitoraggio e di controllo specie verso attività così impattati sotto tutti i punti di vista.
 Per questi motivi, a Taranto, con la scusa della fame e del lavoro che mancava, cani e porci hanno messo le mani sul territorio privandoci finanche della dignità e della salute. Un ricatto che oggi è diventato per taluni pure occupazionale. In particolare, oltre l’Ilva, anche l’Eni ha installato la sua industria di raffinazione delgreggio senza troppi scrupoli, non badando mai alle distanze dalla città, all’aria che di lì a poco avrebbe fatto respirare, alla gente che muore.
-->
E’ chiaro che oggi è difficile chiedere ad un’industria come Eni o Ilva di prendere “baracche e burattini” e andare da un’altra parte, magari tenendosi ben stretti i non so quanti lavoratori di Taranto e provincia.
Ma una cosa la possiamo chiedere: che ci venga riconosciuto l’indennizzo per le sofferenze inflitte sotto la voce industria pesante-inquinante: tumori, scarichi a mare, infestazione dell’aria, consumo delle risorse idriche. Made in Taranto parte anche dal chiedere l’eliminazione delle tasse dai carburanti agli abitanti di Taranto e provincia.
I vantaggi per Taranto e provincia? A parte un costo minore per i residenti, molta gente verrebbe a far benzina anche da molto lontano, favorendo così commercianti, negozianti, imprese in genere.
Vediamo di passare ai fatti questa volta. Siamo stufi dei soliti proclami!
MADEINTARANTO
Donna_468x60

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv