Sostieni anche tu la WEBTV di Taranto. Lavoriamo insieme per la nuova divulgazione...... TARAStv e' parte della Taranto che cambia...... Chiedi informazioni su come farne parte al 3381488022 oppure scrivi a: tarasproduzioni@libero.it TARAStv... chi la fa sei Tu !!

martedì 19 agosto 2014

TEMPA ROSSA. ARRIVA IL VIA LIBERA

Arriva la conferma a quanto avevamo denunciato nei giorni passati: il sindaco Stefano ha preso in giro i tarantini. Sul progetto Tempa Rossa Roma sta dando i pareri positivi come conferma il verbale della conferenza dei servizi del 17 luglio scorso. Quello che ritengo vergognoso è che il sindaco di Taranto non ha informato la città di Taranto, la stampa e tantomeno il consiglio comunale di quanto stava accadendo, e non venga a raccontarci la favola che lui non ne sapeva nulla.. Il sindaco Stefano sapeva di queste conferenze dei servizi decisorie per il progetto Tempa Rossa ma non ha ritenuto di informare il consiglio comunale. Il sindaco Stefano ha fatto un gioco delle parti che ha letteralmente preso in giro i tarantini facendo credere che il comune si sarebbe opposto al progetto ma in realtà l'accordo che aveva preso con il governo era quello di fare dichiarazioni pubbliche contro il progetto ma formalmente non adottare nessuna delibera contraria al progetto. E quindi nell'area più inquinata d'Italia con il più alto livello di mortalità con il silenzio assenso del comune di Taranto e con l'assenso delle regione Puglia di Vendola si dà il via libera ad un progetto che aumenterà l'inquinamento in atmosfera del 12% e trasformerà mar Grande in un enorme parcheggio da petroliere con i rischi d'inquinamento per il mare da idrocarburi. Da parte del governo nazionale e della regione Puglia c'è un accanimento contro un territorio quello tarantino devastato dall'inquinamento e da un alto livello di mortalità.
-->
Chiedo al sindaco Stefano di approvare in giunta il recepimento degli strumenti urbanistici il DM 9 maggio 2001 in materia di direttiva Seveso. Il progetto Tempa Rossa con questa variante non potrebbe essere realizzato perché la direttiva Seveso prevede distanze di sicurezza e vincoli precisi per nuovi insediamenti vicino raffineria . Il futuro di Taranto ribadisco, non può essere quello di un'economia basata sui veleni, bensi deve puntare su un'altro modello che è possibile come a Bilbao. Un anno fa abbiamo presentato il progetto di conversione industriale di Taranto che darebbe oltre 20 mila nuovi posti di lavoro e trasformerebbe Taranto nella città di collegamento tra Europa -nord Africa medioriente e Oriente.
ANGELO BONELLI
Consiglere comunale Verdi per Taranto Respira
Coportavoce nazionale dei Verdi
-->

LE PIU' CLICCATE DELLA SETTIMANA

CERCA NEL SITO

SEMPRE AGGIORNATO CON TARAStv